Giovedì, 14 Dicembre 2017
$ £

Guccini e l'Emilia Romagna al Teatro Sala Umberto

Recensione dello spettacolo Talkin'Guccini in scena al teatro Sala Umberto il 21 novembre 2017

Serata unica al Teatro Sala Umberto il 21 novembre dedicata ad uno dei più significativi cantantautori del panorama musicale italiano degli ultini decenni: Talkin'Guccini. A rendere omaggio al cantautore in scena Andrea Mirò, Luca Vasini, Fabio Zulli, in uno spettacolo di e con la regia Emilio Russo che alterna momenti di recitazione a momenti musicali. Protagonista il pensiero e l'arte di Guccini, quel pensiero libero, "antisociale", lontano da ogni pregiudizio e convenzione, ma rappresentato in modo originale.

La scena si presenta come un affresco colorato, dove con i tratti del pennello si delinea Modena e tutta l'Emilia Romagna di Guccini, fatta di tavolini di osterie ricoperti dalle classiche tovaglie a quadretti colorati e racconti di vita e di vitaccia mandati giù tutti d'un fiato dall'immancabile vino rosso e dal suono di chitarre. Ad essere toccati, sono prima di tutto i sensi. I talentuosi attori e interpreti, con le loro doti attoriali e canore sono riusciti a restituire un clima generale di leggerezza con personaggi ben caratterizzati che raccontano storie comuni, ma al tempo stesso personali, storie di vita, di amore, di morte, che tirano in gioco il senso dell'esistenza stessa. Da sottolineare l'originale scelta di utilizzare dialoghi costruiti con frammenti di canzoni intervallati da musica e canzoni del cantautore stesso. Dunque si alterna il verso parlato e il verso cantato che nascondono, dietro l'apparente goliardia, un fondo di struggente malinconia, caratteristica di Guccini, ispiratore del progetto, Guccini capace di aggregare anche in sitazioni come queste. La partecipazione del pubblico è stata emozionante ad ogni nota. Risuonavano le parole dell'artista tra gli spettatori che nel finale hanno intonato insieme La locomotiva, come un inno che li accomunava. È questo un segno che quella sera è andato in scena un verso cantato espressione di una coralità di sentimenti e di un desiderio di condivisione di vissuti e di ideali che si oppongono ad una condizione di smarrimento individuale che caratterizza l'uomo contemporaneo.

 

Mena Zarelli

28 novembre 2017

Pubblicità La Platea

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori