Su questo sito utilizziamo cookie, se vuoi saperne di più clicca qui. Premendo il pulsante rosso, invece, presti il consenso.

Daniele Sereni ci parla del Frascati Summer Festival

 

Seguici su Facebook

#frascati #teatroafrascati #frascatisummerfestival

Come nasce l'idea del Frascati Summer Festival?

Da diversi anni ci riproponevamo di realizzare un progetto estivo, che fosse il coronamento dell’attività svolta durante l’inverno. Volevamo inserire anche una nostra iniziativa nella rosa dei festival che le diverse associazioni del territorio propongono, per dare continuità e contribuire anche noi al ripristino di quella che anni fa era la stagione dedicata allo spettacolo e alla musica.

 

 

Con questa iniziativa l'associazione QuintaPrima rilancia la consolidata tradizione frascatana dei festival estivi, tra l’altro in un parco del territorio, ci può spiegare il perché di questo binomio?

Io e i miei colleghi siamo cresciuti negli anni d’oro del Festival delle Ville Tuscolane. Impossibile non associare l’estate frascatana al ricordo dei tanti concerti e spettacoli che si sono svolti proprio a Villa Torlonia. Indubbiamente lo spazio presenta dei vantaggi logistici, ma sono state soprattutto questa memoria e la volontà di contribuire alla rivalutazione del nostro patrimonio architettonico a determinare la decisione. Ci sembra inoltre una scelta coerente con i principi e le finalità dell’associazione: basti pensare che già da tre anni il nostro Coro DeCanter organizza la rassegna “Canti di Mezza Estate” nel Teatro Romano di Tuscolo, mentre collaboriamo spesso con l’Accademia Vivarium Novum a Villa Falconieri: il tutto, appunto, con lo scopo di animare e dare lustro ai luoghi più belli del nostro territorio. Una scelta, c’è da aggiungere, che ha incontrato il supporto dell’Amministrazione e l’entusiasmo di tanti cittadini.

 

Da venerdì 21 a domenica 23 luglio andranno in scena Il Prezzo del somaro, Riccardo perso e Mithos: c'è un filo conduttore unico che unisce gli spettacoli che avete scelto?

Non c’è un’affinità tematica, piuttosto la volontà nostra e delle compagnie, con le quali collaboriamo anche durante l’inverno, di unirsi in un progetto comune e di ritentare, dopo diversi anni, l’esperimento di portare il teatro a Villa Torlonia. La Compagnia della Vinaccia e la Compagnia Sipario Aperto hanno entrambe riscosso molto successo lo scorso inverno; ci sembrava giusto ripartire insieme da qui, per un’iniziativa che speriamo cresca nei prossimi anni, arricchendosi e offrendo degli spettacoli sempre più variegati e di maggior livello.

 

E. F.

15 luglio 2017