Su questo sito utilizziamo cookie, se vuoi saperne di più clicca qui. Premendo il pulsante rosso, invece, presti il consenso.

METAMORFOSYS presso Arco di Malborghetto il 9 giugno 2017

 

Seguici su Facebook

#segnalazione

All'inizio di questo XXI secolo stiamo tutti diventando "macchine", i nostri lavori, le nostre emozioni, le nostre amicizie, la nostra arte, la nostra stessa vita...tutto accade sempre di più.
Nel mondo della "macchina", della tecnologia.
Già Ungaretti nel suo trattato su "La Civiltà delle macchine" preannunciava quanto sarebbe accaduto di lì a poco dandone una visione abbastanza vicina a ciò che stiamo vivendo oggi: la realizzazione di qualsiasi desiderio a tal punto da sentirsi inutili, capaci di creare, e al contempo distruggere, successo e fallimento.

Dipendiamo già dalla macchina almeno quanto questa dipende da noi: in questa forma di simbiosi, i nostri atteggiamenti, le relazioni sociali e la nostra stessa arte e natura stanno rapidamente mutando mentre va riducendosi la distanza fra mondo reale e virtuale. E se l'evoluzione da homo sapiens a homo - machina fosse una possibile dimensione del nostro universo futuro, un nuovo step nel nostro percorso evolutivo?
Quasi senza essercene accorti, quasi senza esserne al corrente, stiamo diventando sempre più connessi nella nostra intimità.
E la nostra Umanità? Forse sarebbe l'unica a salvarci perché tutto senza questa perderebbe di significato.

Un lavoro di ricerca dunque sull'evoluzione non poteva non prendere in considerazione uno dei più grandi autori: Ovidio e le sue "Metamorfosi", sempre attuale la sua visione circa "la legge che governa il mondo": il senso di un'esistenza continuamente mutevole, incerta, vissuta dagli uomini in balia degli eventi, vittime del gioco, del caso o del capriccioso arbitrio degli dei.
Un mondo segnato dallo scarto tra apparenza ingannevole e realtà effettiva, da una rete di equivoci e inganni nella quale gli uomini, per natura inclini all'errore, finiscono per cadere impigliati.

METAMORFOSYS ripercorre il mito ovidiano in una mutata forma, raccontando una nuova genesi dell'umanità proiettata in una delle possibili dimensioni del futuro prossimo, quello in cui la realtà fenomenica soccombe alla sua immagine virtuale affidata alla Rete. Così l'uomo ne resta impigliato. (Vittoria Faro).

 

Info

 

L'Associazione Culturale Testacciolab presenta
METAMORFOSYS
Prima Nazionale
Progetto di Ricerca su "Le Metamorfosi" di Publio Ovidio Nasone
Progetto di messa in scena: Vittoria Faro
Progetto musicale: Francesco Leineri e Sergio Schifano
Scenografia: Antonio Pizzola
Organizzazione e Distribuzione: Iolanda Nardella
Performer e Attori: Carola Ripani, Luigi Biava, Cecilia Guzzardi, Vittoria Faro
Orario spettacolo: ore 21,15
Per prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
whatsapp 333 709 7449
FB teatridipietra / teatridipietra.blogspot.it/
biglietti online: www.etes.it

Area Archeologica, Arco di Malborghetto
Via Flaminia km 19,4 in direzione Terni, altezza stazione RomaNord/Sacrofano

 

Redazione

5 giugno 2017