Domenica, 09 Agosto 2020
$ £

 

Anche quest'anno la rassegna La Scena Sensibile si autofinanzia, in totale assenza di fondi pubblici, pertanto la Rassegna si avvarrà del contributo del proprio affezionatissimo pubblico dimostratosi tale negli anni. La rassegna si presenta al pubblico romano con un tema d'attualità: "Il pensiero resistente delle donne soprattutto di quelle donne, che pure in condizioni difficili, disastrose o pericolose hanno il coraggio di resistere alla violenza e alla sopraffazione, grazie a un pensiero continuo che si mette in moto nelle loro menti e che permette di compiere azioni coraggiose e salvifiche per sé e per gli altri!"

 

Domenica  8 Marzo ore 21,00

"Donna Non Rieducabile"
Memorandum Teatrale su Anna Politkovskaja  di Stefano Massini    

Un progetto di e con Elena Arvigo
A cura di Rosario Tedesco    Luci e Video di Andrea Basti    Grafica Serena Carminati
Produzione Compagnia Gank In collaborazione con SantaRita Teatro e Associazione Ex Lavanderia

"Donna non rieducabile" e' un memorandum immaginario ispirato ai reportage di Anna Politkovskaja,  giornalista russa nota per il suo impegno sul fronte dei diritti umani, per i suoi reportage dalla Cecenia e per la sue critiche al Presidente della Federazione Russa Vladimir Putin. Il 7 ottobre 2006, Anna Politkovskaja viene assassinata nell'ascensore del suo palazzo, mentre stava rincasando. Tutt'oggi l'inchiesta è ancora aperta.

Add a comment

Torna, dal 10 al 22 marzo,  dopo i tanti successi raccolti   Michele La Ginestra protagonista  sul palcoscenico del Teatro Golden, del suo one man show “Mi hanno rimasto solo…10 anni dopo”. 

Michele gioca con un palcoscenico vuoto e racconta al Teatro il suo sogno: poter interpretare ogni sera un personaggio diverso. Il Teatro lo ascolta e decide di diventare suo complice; apre il cassetto dei ricordi e gli fa trovare testi, costumi, musiche, per realizzare il suo spettacolo. Da un omaggio ad Ettore Petrolini dei primi del ‘900, comincia questa “cavalcata” teatrale fatta di pezzi inediti e filastrocche... L’accompagnamento musicale, con brani interpretati dal vivo da un trio di grande qualità: Alessia Lineri, Irene Morelli, e Alessandra Fineoe dall’estro del M° Paolo Tagliapietra al pianoforte, completa l’opera.

“Mi hanno rimasto solo” non è solo un one man show, ma uno spettacolo coinvolgente, e divertente che  regalare sorrisi e grandi risate.

Add a comment

Giorgio Colangeli e Francesco Montanari sono i protagonisti dello spettacolo “Il più bel secolo della mia vita”, che sarà in scena al Teatro della Cometa dal 10 al 29 marzo. La pièce è scritta e diretta da Alessandro Bardani e Luigi di Capua (autore e interprete del collettivo The Pills, che dal web sta arrivando al cinema).

Lo spettacolo racconta, con toni ironici e amari, come in Italia sia ancora in vigore l’antiquata normativa che impedisce ai figli non riconosciuti di venire a conoscenza della loro storia preadottiva e dell’identità della madre naturale fino al compimento del centesimo anno di età. Tre anni fa la Corte Europea ha sentenziato che l'articolo 28 della legge n.184/1983 calpesta due diritti fondamentali dell'uomo: il diritto alla conoscenza della propria identità personale e il diritto alla salute (non permettendo di prevenire alcuna patologia familiare).

Add a comment

Del sordo rumore delle dita vuole soffermarsi sulle esistenze a margine, sulla difficoltà di un loro essere, di un loro partecipare, nel tempo attuale; sulla possibilità di un richiamo a un tempo tragico, o meglio a un tempo dove fosse ancora possibile appellarsi al diritto alla menzione di tragedia. Dalle nostre scritture individuali affiora, talora, come sopravvivenza, Pasolini.

Del sordo rumore delle dita era stato concepito, dal 2013, nella forma di opera in situ, realizzata in contesti disparati e non specificatamente teatrali. Da queste memorie trae nutrimento una nuova pagina, per il teatro, che conserva l’originaria vocazione installativa. Una trascrizione.

Il lavoro fa parte di Melanconie in dedica a Pier Paolo Pasolini,  progetto composito di atti artistici che cercano di tradurre in gesto (poetico?) sfridi scabri della produzione e della riflessione pasoliniana.

Add a comment

 

Stanza a tre

Vincitore terza edizione concorso #inplatea

10/11 dicembre 2019- teatro Trastevere (Roma)

 

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori