Martedì, 12 Novembre 2019
$ £

Segretaluce è uno spettacolo sulla storia di una donna straordinaria, Marie Curie. Scienziata polacca naturalizzata francese, che ha ricevuto per la sua grande opera di ricerca scientifica,  due premi Nobel : uno nel 1903 per la fisica, insieme al marito Pierre Curie, per gli studi sulle radiazioni, e il secondo, per la chimica, nel 1911, per la scoperta del polonio e del radio. Lo spettacolo, intende ripercorrere le tappe più importanti della sua esistenza, di donna e scienziata, attraverso le voci di tre attrici, Marie Curie stessa, la figlia Irene, e  Blanche una delle sue assistenti.

Add a comment

Uno dei drammi della maturità di Ibsen, con risvolti complessi che risultano assai attuali alla luce della delicata temperie politica del presente. Il dottor Stockmann, spirito libero e risoluto ancorché ingenuo, nella sua funzione di sanitario dello stabilmento termale della città nella quale vive, decide di denunciare l'insalubrità delle acque dello stabilimento, pur avendone avviato col fratello il progetto di ampliamento. Convinto di agire per il meglio, sarà progressivamente isolato dalla comunità.

Add a comment

Jim, che ha perso da poco il padre, si trova allo sbando e senza riferimenti. La scuola lo annoia e non è interessato a nulla. Un giorno, dopo l'ennesimo rimprovero, viene allontanato dalla classe. Isolato e arrabbiato con tutti, farà un incontro straordinario: 4 pirati chiederanno il suo aiuto per cercare il tesoro del Capitano Flint. Jim si ritroverà catapultato in un mondo surreale dove ogni cosa può diventare un'altra. L'immaginazione sarà la nave su cui imbarcarsi: l'unica possibilità rimastagli per liberarsi delle proprie paure. Ogni pirata gli offrirà una chiave di lettura della vita e Jim dovrà scegliere a chi credere e di chi fidarsi per raggiungere l'isola del tesoro e trovare se stesso.

Add a comment

L’INNAFFIATORE DEL CERVELLO DI PASSANNANTE: L’ANARCHICO CHE CERCO’ DI UCCIDERE UMBERTO I DI SAVOIA

C’era una volta un paese in Basilicata che si chiamava Salvia dove era nato un uomo: Giovanni Passannante. Nel 1878 con un coltellino con una lama di quattro dita cercò di uccidere il re Umberto I di Savoia. Condannato a morte la pena gli fu convertita in ergastolo mentre sua madre e i suoi fratelli furono immediatamente internati nel manicomio di Aversa.

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori