Domenica, 09 Agosto 2020
$ £

Drammaturgia ispirata alle vicende di Sophie Scholl e ai fatti storici del movimento de "la Rosa Bianca" nella Germania del ’43, intrecciata con le voci di oggi. 

Esistono ancora ideali e desideri che rappresentino bisogni effettivi? Se esistono, cosa si sarebbe disposti a sacrificare per essi? Monaco , 1943. Una ragazza ventunenne appartiene a un piccolo gruppo di resistenza noto con il nome di La Rosa Bianca. La studentessa sta posizionando dei volantini all’Università quando viene sorpresa insieme a suo fratello: immediatamente viene arrestata dalla Gestapo, processata senza possibilità di difendersi e ghigliottinata dopo poche ore. Gli ideali di libertà le costano la vita.

Add a comment

In sei capitoli, di cui in scena i primi due a sere alterne.

Il primo capitolo de I taccuini di Mosella Fitch, del giovane e apprezzatissimo drammaturgo fiorentino Stefano Massini, nella magistrale interpretazione di Barbara Valmorin, è stato presentato al festival Avamposti – Teatro Manzoni di Calenzano lo scorso settembre.

Nel primo capitolo Mosella Fitch viene trovata morta nel giorno del suo ottantesimo compleanno. Accanto al suo corpo, una lettera per il garzone del droghiere, in cui si raccomanda di conservare i suoi taccuini. In paginette minuscole, Mosella ha scritto e descritto tutta la propria vita, nel terrore di perdere i ricordi. È la vita semplice e straordinaria di una donna marchiata a fuoco, fin dall'infanzia, da un animo cinico e da un'avversione istintiva all'ipocrisia del genere umano.

Nel secondo capitolo Mosella scrive di una “bestia zozza, schifosa, immonda” di cui tutti si riempiono la bocca e chiamano “amore”; non ne parlara in termini mielosi e sdolcinati ma utilizzando la parola ‘ingorgo’.

“L’ingorgo è come una colica che si forma dentro e che devi buttare fuori oppure schiatti”.

Sarà il racconto di un triste ricordo a svelarci la ragione della sua pessimistica concezione sull’amore vissuto solo come legge di Natura, come la malattia, come il dolore e come la morte.

 

 redazione

1 marzo 2015

 

informazioni

 

3 - 8 marzo 2015

 

I TACCUINI DI MOSELLA FITCH

 

Capitolo I e II (a sere alterne)

 

di Stefano Massini

 

regia di Pia Di Bitonto

 

 

con Barbara Valmorin

 

 

Teatro delle Donne

Add a comment

Dal 10 al 15 marzo al Teatro India di Roma debutta Paranza - Il miracolo, un progetto firmato da Clara Gebbia, Katia Ippaso, Enrico Roccaforte e Antonella Talamonti. 

Paranza è la narrazione di un pellegrinaggio laico. Quattro individui finiti per strada danno vita a una processione che, in un’Italia sempre più schiacciata dalla crisi, appare come l’ultimo tentativo di riaffermare la propria dignità. Lo spettacolo intreccia un lavoro di ricerca tra musica di tradizione orale italiana e teatro contemporaneo, con una particolare attenzione alle forme del presente e ai conflitti sociali.  

Add a comment

Ferite d’Arma da Gioco, Gruesome Playground Injuries, del finalista Premio Pulitzer 2010 Rajiv Joseph, ha debuttato nell’ottobre del 2009 a Houston, Texas. I due protagonisti vivono una complessa e dolorosa storia d’amore. Clara e Diego non stanno male; si provocano il male. Attraverso il dolore si incontreranno da bambini e, per inseguirsi, ritrovarsi, riconoscersi come essere viventi, al dolore rimarranno legati. Tagli, incidenti, nausea, fratture sono gli espedienti per potersi vedere negli ospedali, nelle infermerie, nelle sale d’aspetto e negli ambulatori.

Add a comment

 

Stanza a tre

Vincitore terza edizione concorso #inplatea

10/11 dicembre 2019- teatro Trastevere (Roma)

 

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori