Martedì, 25 Giugno 2019
$ £

ECCE HOMO presso il Teatro L’Avogaria di Venezia il 9 giugno 2018

Un percorso sulla precarietà, la fragilità e l’incompletezza dell’uomo, su tutto quello che siamo, quando lo siamo, e su tutto quello che potremmo essere, quando ci sfugge di mano quello che siamo. Al Teatro a l’Avogaria di Venezia (Dorsoduro 1607, Corte Zappa), sabato 9 giugno 2018, ore 21.00, va in scena “Ecce Homo”.


 
Lo spettacolo si ispira e prende spunto da frammenti di autori diversi, da Sartre a Primo Levi, da Mrozek a Schmitt, legati da un unico filo conduttore: la condizione dell’uomo nella sua capacità di passare dal bene al male senza soluzione di continuità. In scena tra dolore e follia, sarcasmo e ironia, una galleria di personaggi che raccontano la fragilità umana: emigranti che inventano storie fantastiche, prostitute che hanno smarrito il disprezzo, curiosi abitatori di un misterioso albergo, una coppia incapace di distinguere tra realtà e menzogna. “Ecco, questo è l’uomo”, si potrebbe dire con le parole di Pilato. In scena gli allievi del II anno del Laboratorio del Teatro a l’Avogaria guidati e diretti da Angelo Callipo, autore anche della drammaturgia del testo. Gli interpreti sono: Alessio Bellemo, Guia Camarri, Federico Fabbri, Rocco Longo, Caterina Lo Greco, Carlo Marongiu, Rita Nicosia, Enrico Pinzoni, Matteo Vascon, Giorgia Velluti, Elena Zuin.

 

Redazione
9 giugno 2018

 

Informazioni

 

ECCE HOMO
Regia e drammaturgia Angelo Callipo
Con Alessio Bellemo, Guia Camarri, Federico Fabbri,
Rocco Longo, Caterina Lo Greco, Carlo Marongiu, Rita Nicosia,
Enrico Pinzoni, Matteo Vascon, Giorgia Velluti, Elena Zuin

Per prenotazioni: 0410991967-335372889 o via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.teatro-avogaria.it

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori