Martedì, 17 Ottobre 2017
$ £

TEATRO ARGOT STUDIO. STAGIONE 2017/2018. HOME SWEET HOME

#andiamoateatro

In questi anni abbiamo fatto tante tante Prove di Volo.
È stato necessario allenarsi... provare... sperimentare... sbagliare... mettersi in discussione... provare ancora... rischiare...
E poi alla fine, forse ancora un po' impreparati ma con quel pizzico di sana incoscienza, ci siamo buttati in un Folle Volo. Un volo meraviglioso che ha fatto da ponte tra il passato e il presente dell'Argot. Un volo che si ripete ogni anno da più di 30 anni. Come un rito sacro.
E alla fine di questo folle volo abbiamo scoperto che La felicità è una cosa semplice.
Ma solo se si sa da dove si viene, dove si è ora e soprattutto dove si vuole andare.


E così, forti del nostro passato e del nostro presente, ci siamo ritrovati al di là del ponte davanti al nostro futuro. Un futuro per tutti ancora troppo incerto, ma che per noi è invece molto chiaro: continuare a credere in questo luogo perché Nessun posto è come casa.
Sì, Casa. Proprio così. Perché l'Argot è Casa. La nostra Casa.
Una Casa per tutti noi che ci lavoriamo tutti i giorni. Una Casa per gli artisti che in questi anni hanno vissuto questo luogo, che lo hanno anche solo attraversato o che presto avranno l'occasione di farlo. Una Casa per tutti quelli che semplicemente ci vengono a fare visita e da buoni ospiti ci tengono compagnia.
E come quando si torna a Casa, si è avvolti da una sensazione di serenità, tutto è magicamente familiare, anche tornandoci dopo tanto tempo. Ci si sente sicuri. Ci si sente protetti. Ci si sente felici.
È per questo che appena si arriva a Trastevere e si attraversa il portone di quel condominio di Via Natale del Grande 27 non si può non pensare: Home Sweet Home!!!
(Francesco Frangipane, direttore artistico).

 

Programma completo

 

 

Dal 4 OTTOBRE 2017
ARGOT PRODUZIONI
DALL'ALTO DI UNA FREDDA TORRE

di Filippo Gili
regia Francesco Frangipane
con Massimiliano Benvenuto, Ermanno De Biagi, Michela Martini, Aglaia Mora, Matteo Quinzi e Vanessa Scalera
musiche Jonis Bascir | scenografia Francesco Ghisu
costumi Sabrina Beretta | light designer Giuseppe Filipponio

Quattordici quadri che vanno a comporre una tragedia. Sei personaggi: un padre e una madre, un figlio e una figlia, due medici. Una normalità familiare stravolta dalla malattia, due genitori ignari del loro destino, due figli piegati dal peso di una scelta, due medici testimoni del dramma. Tre ambienti ben definiti: una sala da pranzo, uno studio medico e un non luogo dove i vari personaggi si affrontano/scontrano su grandi questioni morali ed esistenziali. Il pubblico, non più semplice spettatore, che accerchia lo spazio scenico quasi a invaderlo, quasi a condividerlo con i personaggi in una comunione di emozioni e stati d'animo.

"Dall'alto di una fredda torre pone l'angoscioso dilemma se sia giusto o no incidere sul destino degli altri, se sia lecito sostituirsi al fato, ponendo i protagonisti di fronte alla facoltà/responsabilità di dover decidere se far Vivere e/o far Morire un uomo, facendosi carico di tutta la questione morale e sociale che ne consegue. Grandi temi universali che, focalizzati in un contesto più piccolo, la famiglia, permettono, proprio grazie alla riconoscibilità di situazioni quotidiane, di predisporre il pubblico ad un meccanismo automatico d'immedesimazione e di catarsi. Tutto ciò facilitato da un'idea di allestimento che tiene il pubblico dentro la scena, che accompagna lo spettatore per mano dentro la storia stessa e lo induce a condividere le emozioni dei personaggi fino a farsi carico delle loro domande e dilemmi".
Francesco Frangipane

 

 

Dal 7 NOVEMBRE 2017
ARGOT PRODUZIONI
IL CAPPUCCIO D'OSSO DELLA LUNA

di Cristina Cirilli
regia Maurizio Panici
con Cristina Cirilli, Ermanno De Biagi, Mirella Mazzeranghi
e Ludovica Apollonj Ghetti
scenografia Francesco Ghisu | costumi Anna Coluccia
light designer Giuseppe Filipponio | aiuto regia Maria Stella Taccone

Alberto è un architetto di sessantacinque anni in pensione. Le figlie, Anita la maggiore e Adelia la minore, vivono in un'altra casa rispetto a quella di residenza del padre. L'uomo un po' per il suo lavoro, un po' per il carattere, chiuso e anaffettivo, non è riuscito a costruire un rapporto solido con loro. Alberto è rimasto vedovo da qualche mese. Anita non se la sente di lasciarlo in balia di se stesso e lo ospita in casa sua. Adelia invece, che considera il padre responsabile della morte di sua madre, se ne va a vivere con la zia Vittoria, sorella di Alberto. La convivenza tra Alberto e Anita procede tra silenzi, discorsi abbozzati e tentativi di incontro. Vittoria e Adelia invece sono complici, vittime delle stesse mancanze. Lo scorrere del tempo è scandito dai ricordi, finché i quattro non si ritrovano insieme intorno allo stesso tavolo.

"Una sfocatura, la sensazione di non stare a posto con le parole che si dicono, un senso di manchevolezza di fronte ad un ritratto di famiglia che così famiglia non è. Tutto il testo è percorso da un senso di sospensione del tempo e di inadeguatezza nelle relazioni. Un puzzle di emozioni e sentimenti che ha bisogno pazientemente di essere ricostruito. Geometrie relazionali imperfette, un tema che resta incompiuto e l'impossibilità di ogni singolo personaggio di sapersi relazionare al resto del quadro. Allo spettatore il compito di chiudere questo ritratto con una complicità emotiva che permetta ai protagonisti di pacificarsi e ricreare così un ideale luogo di convivenza"
Maurizio Panici

 

 

Dal 5 DICEMBRE 2017
ARGOT PRODUZIONI
LA RAGAZZA LASCIATA A METÀ

autore Eimear McBride
traduzione Riccardo Duranti
regia Elena Arvigo e Giuliano Scarpinato
con Elena Arvigo
scenografia Alessandro Di Cola
Presentato in forma di mise en espace nel 2016 alla XV edizione della rassegna teatrale TREND - Nuove frontiere della scena britannica di Roma.

Lo spettacolo è la messa in scena del romanzo rivelazione Una ragazza lasciata a metà della scrittrice irlandese Eimear McBride e racconta, con struggente poesia, il percorso di crescita di un'anima fragilissima. È flusso di coscienza, insurrezione, catarsi, viaggio nella sessualità caotica di questa donna vulnerabile, ma profondamente sensibile, nel contesto di un'Irlanda chiusa e crudele. Non v'è compassione nel racconto, poiché la storia, mentre si snoda in questo volo senza rete, è ancora viva e lontana da un compimento. Tuttavia è sempre presente e innegabile, dall'inizio alla fine, lo slancio vitale che rende questa preziosa confessione un'estrema e potente possibilità di salvezza.

Il romanzo è stato tradotto da Riccardo Duranti ed è stato pubblicato nel 2016 da Safarà Editore.

 

 

Dal 23 GENNAIO 2018
PROGETTO GOLDSTEIN
TUTTI I MIEI CARI

di Francesca Zanni
regia Francesco Zecca
con Crescenza Guarnieri
scene Francesco Zecca | costumi Grazia E. Materia
light designer Claudio Cianfoni

Una donna in scena, su un tappeto di rose. O forse è una tomba. Anne Sexton, con la sua vita e le sue poesie ci racconta il suo sentirsi inadeguata, ignorante, disadattata, non corrispondente al modello della società borghese, che la vuole madre e moglie esemplare. La sua anima inquieta, controcorrente, intelligente e contorta cerca di liberarsi attraverso le sue poesie. Che parlano di lei, ma in definitiva, parlano di noi. Quello che ci lascia è un'eredità dolorosa, quel senso di perdita che giace da qualche parte, dentro. Come ha potuto una casalinga folle diventare una celebrità e arrivare a vincere il Pulitzer?

Tutti i miei cari è un testo di incredibile attualità, che attraverso la vita e le poesie della Sexton, racconta il nostro mondo liquido, dove si sono persi i punti di riferimento e dove tutti noi - come lei - siamo in attesa di qualcosa, anche se non sappiamo bene di cosa. Anne Sexton era bella e dannata, infantile e sexy, atea e religiosa; le sue contraddizioni sono le nostre; il suo bisogno di comunicare si estende nella nostra smania di rendere pubblico - in tempo reale - ogni nostro pensiero. Una donna in anticipo sui tempi che, da casalinga frustrata, arrivò a vincere il Pulitzer. Un'intensa interpretazione di Crescenza Guarnieri che con questo testo porta per mano gli spettatori dentro un mondo che sembra lontano, ma che invece è proprio dietro l'angolo, a un passo da noi. La regia di Francesco Zecca, come una partitura musicale, esalta i pieni e i vuoti dell'anima di questa donna, perennemente in bilico.

 

 

Dal 6 FEBBRAIO 2018
AC ZERKALO
SORELLA CON FRATELLO

di Alberto Bassetti
regia Alessandro Machía
con Alessandro Averone e Alessandra Fallucchi
scenografia Maria Alessandra Giuri | costumi Sara Bianchi
light designer Giuseppe Filipponio

"Giusto e sbagliato: per te è tutto chiaro, la Legge decide. Ma non per me, io non ci credo".

Una donna trentenne è rinchiusa in un istituto correzionale nel quale, giunta quasi al termine dei dieci anni da scontare, può usufruire di uno spazio dove sfogare la propria passione per il canto durante le visite quotidiane del fratello. Tra canzoni e ricordi si disvela progressivamente l'entità di una tragedia.

 

 

Dal 6 MARZO 2018

UN MONDO PERFETTO

scritto e diretto da Sergio Pierattini
con Manuela Mandracchia e Paolo Giovannucci
musiche Lucio Gregoretti | scenografia e costumi Barbara Bessi

Una coppia, non più giovanissima, sogna di adottare un figlio. Quando scopriamo in scena i due protagonisti il loro calvario di attese e delusioni sembra essere definitivamente concluso. L'arrivo del figlio è in realtà l'inizio di un percorso di difficoltà devastanti che fin dall'inizio del secondo quadro si rivelano insuperabili. I due protagonisti scoprono in rapida successione quanto sia "impossibile" amare l'oggetto dei loro sogni. Le difficoltà non stanno nella personalità pur complessa del ragazzo, ma nella stessa natura dei due protagonisti. Nell'essenza di quell'universo a due, grigio, ma anche autosufficiente e appagante, che contraddistingue la loro unione.

Il testo affronta il tema, attuale e complesso, dell'adozione o delle false vocazioni, di sogni che una volta svelatisi mostrano la faccia della sconfitta e del disinganno.

Testo vincitore nel 2008 del Premio Riccione con la seguente motivazione:
"Fedele alle sue indagini di piccole vite di famiglia, Sergio Pierattini affronta, con crudele eleganza, i problemi di una coppia che aspetta la felicità coniugale dall'adozione di un bambino straniero, battendosi con le imposizioni burocratiche ma ne idealizza la riuscita legandola alla perfezione del trenino elettrico con la stazione che hanno elaborato per lui, accolto come un giocattolo e destinato a una fuga verso l'ignoto che resterà senza uno sbocco, gonfia dell'angoscia delle storie vere".
F. Quadri

 

 

Dal 3 APRILE 2018
ARGOT PRODUZIONI
TEMPESTA

di William Shakespeare
adattamento e regia Maurizio Panici
con Luigi Diberti, Pier Giorgio Bellocchio, Claudia Gusmano, Veronica Franzosi, Matteo Quinzi, Antonio Randazzo e Andrea Standardi
musiche Giovanni Di Giandomenico | scenografia Francesco Ghisu
costumi Anna Coluccia | light designer Giuseppe Filipponio
aiuto regia Maria Stella Taccone

L'ultimo grande testo di William Shakespeare, per molti un testamento, ma anche l'inizio di una nuova era. Oggi più che mai il sapere determina il controllo su tutto quello che si muove. Prospero ha il potere della conoscenza, è l'uomo che dà un nome alle cose, le fa esistere o le nega, è artefice della percezione di una realtà che continuamente ci sfugge e che ha bisogno di essere letta e decifrata.
"Ho lavorato due anni sulla riduzione di questo testo, concentrandomi sulla parola, una parola che diventa strumento di riscatto di un naufragio che è atto necessario per una possibile rinascita, dove la tempesta è lo specchio di una situazione prepotentemente attuale: duchi e mozzi, signori e poveracci convivono e s'intrecciano su uno stesso sfondo, questi ultimi espropriati dal potere della parola".
Maurizio Panici

 

 

Dal 2 MAGGIO 2018
ARGOT PRODUZIONI
AMORE 3.0
Ispirato al racconto "Colline come bianchi elefanti" di Ernest Hemingway.
di Andrej Longo
regia Paolo Sassanelli
con Compagnia REP

Amore 3.0, come suggerisce il titolo, è una storia che parla dell'argomento più bello e spaventoso di sempre: "l'amore". È una storia dove non ci sono confini né di sesso né di classe, dove si incastrano tra di loro più storie e più personaggi, apparentemente distanti tra loro, ma molto simili e vicini, inaspettatamente. Una storia dove i sentimenti sono distorti dalle nostre ansie quotidiane, e dove le minacce dei nostri giorni, vere o presunte, si mescolano con i nostri fantasmi, anch'essi veri o presunti.
Tutto nasce dalla lettura (o dalla 'visione') del bellissimo racconto di Hemingway Colline come bianchi elefanti e dalla reazione che scatena nei personaggi della nostra storia.

La Compagnia REP si forma dopo lo scioglimento del Gruppo Danny Rose, portando con sé i fondatori e altri elementi del gruppo. Con l'intento di ripartire e al tempo stesso continuare il discorso interrotto, la Compagnia si propone di creare un repertorio che permetta di coinvolgere gli attori in più produzioni, così da garantire loro una continuità di lavoro, consentendo alla Compagnia di tenere aperto il dialogo con il suo pubblico e a ciascun membro di mantenere la propria libertà.

 

 

DOMINIO PUBBLICO TUTTO L'ANNO


Da quest'anno l'Argostudio ospiterà un gruppo di 'spettatori attivi' Under 25, componenti della Direzione Artistica della IV edizione del Festival Dominio Pubblico. Il progetto Dominio Pubblico nasce dalle forze congiunte del Teatro dell'Orologio e del Teatro Argot Studio e dal 2014 è riconosciuto dal MIBACT come una delle 12 realtà impegnate nella promozione e formazione del pubblico, con l'obiettivo di disegnare uno scenario teatrale diverso.
Al gruppo sarà affidata la gestione di una micro rassegna dedicata alle arti contemporanee: dalla nuova drammaturgia alla danza d'autore. Abiteranno e si prenderanno cura dello spazio teatrale, delle compagnie e degli artisti, affiancando la Direzione Artistica nella programmazione e nelle strategie di comunicazione e promozione, apportando il proprio sguardo giovane e in continua mutazione.

 

 

Dal 24 al 29 OTTOBRE 2017
COMPAGNIA TEATRALE I GUITTI
ROSMERSHOLM - IL GIOCO DELLA CONFESSIONE

di Henrik Ibsen
riduzione Massimo Castri
regia Luca Micheletti
con Federica Fracassi e Luca Micheletti

Spettacolo con il patrocinio Dell'Ambasciata di Norvegia

Rebekka West (futuro oggetto dello studio di Freud e di Groddeck), donna nascostamente passionale e libera pensatrice apparente, prende servizio a casa del pastore Rosmer, espressione e vittima al contempo di un ordine aristocratico chiuso in se stesso, governato da ferree leggi morali e forse addirittura soprannaturali: "i bambini a Rosmersholm non ridono mai...". Tra i due protagonisti nascerà un desiderio proibito e rimosso, che condurrà a conseguenze nefaste.

Rosmersholm è il dramma dell'inazione, del presente svuotato, dei fantasmi che vincono sui viventi; un horror in forma di seduta psicanalitica: forse il più palpitante "copione del terrore" uscito dalla penna di Ibsen.
Mentre stiamo sviluppando un progetto ibseniano che avrà come esito principale la messinscena di Peer Gynt (Suite n.1), arriviamo a esplorare Rosmersholm, animati da una peculiare attrazione per la sua oscura materia. Se nel giovane Ibsen la lotta per la ricerca di se stessi prende la forma esplicita di una cruda fantasia iniziatica e soprannaturale, un dramma della maturità come Rosmersholm inietta l'astrazione sottopelle, la confina nei sogni, anzi negli incubi di Rebekka e Rosmer: incarnazioni simboliche di due estremi opposti che finiscono per confondersi e annientarsi. Massimo Castri sintetizzò: "uno scontro tra due astrazioni che non tien conto del concreto storico (il capitalismo che produce da un lato repressione istintuale e dall'altro ideologia). Tra due astratti non può esserci dialettica. Non possono produrre che morte; e la loro tragedia è tale solo fino a un certo punto, è tragicommedia". Abbiamo scelto di far rivivere il suo copione, rianimando il mostro bicefalo che aveva immaginato decenni fa, in un nuovo ring senza esclusione di colpi che è anche una camera di tortura delle parole.

 

 

Dal 28 NOVEMBRE al 3 DICEMBRE 2017
369 GRADI
ECHOES

PRESENTATO AL FRINGE FESTIVAL DI EDIMBURGO 2017

di Lorenzo De Liberato
regia Stefano Patti
con Marco Quaglia e Stefano Patti
la voce di Nancy Babich è di Giordana Morandini
light designer Paride Donatelli | scenografia Barbara Bessi
costumi Marta Genovese | sound designer Matteo Gabrielli e Samuele Ravenna
aiuto regia Cristiano Demurtas
Progetto sostenuto da Carrozzerie n.o.t.
Residenza produttiva 2015 presso Teatro Studio Uno.

In un futuro distopico e vicino a noi la Terra è divisa in grandi blocchi governativi. Non esiste la democrazia come la conosciamo. Non esiste l'umanità come la intendiamo oggi. Una bomba è stata sganciata in un agglomerato urbano. Sono morte un milione di persone. Un giornalista, De Bois, intervista il responsabile della carneficina, il misterioso Ecoh. La domanda è semplice e precisa: Perché?

"Quello che mi ha colpito del testo di Lorenzo De Liberato è l'appassionata crudeltà con cui i due protagonisti si studiano, si attaccano, si divorano all'interno della griglia drammaturgica del "thriller": un bunker, una crisi economica, un'intervista, uno sterminio. La ricchezza di temi come l'Amore, il Potere, l'Economia e la Religione presenti in Echoes permette un'analisi sull'uomo e sulle sue paure. La paura porta Ecoh a imporre il passaggio di testimone a De Bois: i due opposti diventano così tragicamente complementari. Il bunker, luogo affascinante e oscuro dove è ambientata la vicenda, rappresenta per me un ring, una scacchiera, un set televisivo dove avviene il massacro, principalmente dialettico. Diveniamo così spettatori di un urlo disperato dove l'unico interlocutore è una eco fredda e distaccata".
Stefano Patti

 

 

Dal 2 al 4 FEBBRAIO 2018
FIBRE PARALLELE e CO&MA SOC. COOP. COSTING & MANAGEMENT
THE BLACK'S TALES TOUR

scritto, diretto e interpretato da Licia Lanera
sound designer Tommaso Qzerty Danisi
scenografia Giorgio Calabrese
costumi Sara Cantarone
light designer Martin Emanuel Palma
regista assistente Danilo Giuva
Spettacolo realizzato con il sostegno di Residenza IDRA e Teatro AKROPOLIS nell'ambito del progetto CURA 2017 e di Contemporanea Festival/Teatro Metastasio 2016.

The Black's Tales Tour è uno spettacolo in cui cinque fiabe classiche - la Sirenetta, Scarpette rosse, Biancaneve, La Regina delle Nevi e Cenerentola - vengono spogliate della loro parte edulcorata e consolatoria e presentate in tutta la verità della loro versione autentica. Licia Lanera firma una scrittura originale che racconta incubi notturni e storie di insonnia, per parlare di alcune donne, delle loro ossessioni, delle loro manie, delle loro paure.
The Black's Tales Tour è uno spettacolo in cui le icone delle fiabe piano piano si sgretolano, fino a diventare la realtà stessa, la più feroce, la più fallimentare. È una specie di horror che vuole far paura per esorcizzare la paura stessa: quella di chi scrive, quella di chi vive. Completano lo spettacolo le musiche originali del musicista pugliese Tommaso Qzerty Danisi, che ipnotizzano lo spettatore accompagnandolo in una dimensione a metà tra l'onirico e il reale.

"Arriva un tempo che è quello della notte. Arriva un tempo in cui dal tuo letto escono draghi e sirene, vecchie dal naso adunco e giovani spose, principi azzurri e maghi, gatti parlanti e serpi mozzate. Arriva un tempo che è pericoloso per chi non dorme, perché i pensieri si affastellano e strane creature ti vengono a trovare. Per me, che soffro d'insonnia, tutte le notti arriva un tempo magico e inquieto e questo tempo, per una sera, voglio condividerlo con gli spettatori. Travestita da icona pop, prendo in giro me stessa: la star. La star decomposta, la reginetta depressa. Arriva un tempo in cui racconto fiabe, o quello che ne resta, a suon di musica elettronica. Arriva un tempo in cui le fiabe che conosci da sempre sono una scusa per dire di te. E dici ciò che mai, altrimenti, avresti avuto il coraggio di dire".
Licia Lanera

 

 

Dal 21 al 25 FEBBRAIO 2018
TEATRO DI DIONISO
IFIGENIA IN CARDIFF

di Gary Owen
traduzione Valentina De Simone
regia Valter Malosti
con Roberta Caronia
light designer Francesco Dell'Elba
Un primo studio dello spettacolo è stato presentato a dicembre 2016 nell'ambito della rassegna TREND - Nuove frontiere della scena britannica di Roma.
Lo spettacolo ha debuttato in prima nazionale il 16 giugno 2017 all'interno della XXII edizione del Festival delle Colline Torinesi.

Effie vive in un Galles di periferia, a sud di Cardiff, dove conduce un'esistenza irregolare senza progetti, senza futuro. Vive di niente. Qualche spicciolo dall'assistenza sociale e i soldi che la nonna le lascia sul tavolo sbattendo la porta. Come in un film di Ken Loach, Effie è uno dei tanti relitti di umanità ai margini cui nessuno si interessa. La sua identità Effie la cancella tutte le sere distruggendosi con l'alcol. Un incontro, in una notte alcolica e folle, un uomo diverso dagli altri, un soldato tornato dall'Afghanistan, segnerà l'inizio di una trasformazione.

Ifigenia in Cardiff di Gary Owen (dall'originario Iphigenia in Splott) è un delirio monologante denso di lucidità che si rivela a poco a poco, ribaltando gli equilibri del senso comune e scardinando moralismi e perbenismi vari. Con un linguaggio abrasivo pieno d'ironia tagliente, Owen affonda il coltello nelle maglie sconnesse della contemporaneità, consegnandoci il ritratto al vetriolo di un'Ifigenia moderna che non ci sta ad essere la vittima sacrificale di un sistema già scritto, e pertanto reagisce, opponendo al Fato, che la vorrebbe vendicativa e miope, la sua intelligenza feroce, il ghigno beffardo, la più inaspettata compassione. Effie non è un capro espiatorio, ma testimone ferale e voce d'accusa contro un potere che, con la sua ingombrante ingordigia, divora le vite degli altri.

Roberta Caronia è stata insignita per questo ruolo del premio Virginia Reiter 2017.

 

 

Dal 27 FEBBRAIO al 1 MARZO 2018
SARDEGNA TEATRO
URANIA D'AGOSTO

di Lucia Calamaro
regia, musiche e light designer Davide Iodice
con Maria Grazia Sughi e Michela Atzeni
spazio scenico, maschere e automi Tiziano Fario
aiuto regia Giusi Salidu

Una donna matura scocciata, seccata, asociale, accanita lettrice notturna di Urania e fanatica della vita e opere degli astronauti, durante un isolatissimo agosto in città, soffre di un'estrema crisi di alienazione e comincia a confondere le cose. Poco a poco il suo spazio interiore, fratturato dall'insonnia, trasformerà lo spazio esteriore in spazio siderale in cui gli alieni strambotici delle sue letture possono apparire. Da questa stagione di lotta interiore uscirà profondamente trasformata.
Urania d'Agosto ha le qualità morali di un romanzo di formazione accidentale sviluppato su una figura amara, indecisa su tutto, delusa a prescindere, dove lo scandaglio dell'inazione e della crisi esistenziale, anche se sostenuti dal fermento della fantasia, vengono sempre traditi dalla caduta nel reale, che è più forte, più vasto, più tutto: "è l'impossibile, quello vero".

 

 

Dal 27 al 29 MARZO 2018
TWAIN CENTRO DI PRODUZIONE DANZA
FOCUS DANZA D'AUTORE

Focus Danza nasce dalla collaborazione tra Twain e Teatro Argot Studio, nella volontà di riportare la danza in un teatro storico del contemporaneo. Le tre serate del Focus saranno caratterizzate da lavori la cui ricerca si basa sulle potenzialità di diversi linguaggi, per dar vita a creazioni che divengono manifesto di un mondo fatto di interiorità e pensiero, di ispirazioni che nascono dal corpo e di visioni che diventano forma. Al centro l'individuo, liberato nel corpo e nello spirito e proiettato verso il recupero della propria ancestralità.

 

 

27 MARZO 2018
SERATA NUOVI AUTORI:

TWAIN CENTRO DI PRODUZIONE DANZA
NOTHING TO DECLARE
di Yoris Petrillo

Yoris Petrillo indaga il sovraccarico emotivo e di tempo della società contemporanea, la necessità di una generazione di "scrollarsi" qualcosa di goffo, di ritrovare una dimensione che gli appartenga e che non sia ereditata da generazioni precedenti o indotta da spot pubblicitari.

COLLETTIVO SA.NI. / TWAIN CENTRO DI PRODUZIONE DANZA
M.SOLO RITUALISTICO IN FORMA LEGGERA
di Nicola Simone Cisternino

Una riflessione su come destrutturare l'essere, i suoi modi e le sue modalità. Come arrivare a ricostruire i nostri bisogni tramite il rito, inteso come momento comunitario.

COMPAGNIA FRANCESCA SELVA / CON.COR.D.A.
ISOLE SENSIBILI
di Luca Zanni e Maria Vittoria Feltre

Isole Sensibili è un viaggio, e come ogni viaggio si rivela una scoperta, non tanto nel raggiungimento della meta, ma proprio nel suo svolgersi. Partiti dall'idea di unicità, intesa come solitudine, fragilità, ma anche consapevolezza di una separazione tra corpo e anima, si approda all'isola che c'è in ognuno di noi.

 

 

28 MARZO 2018
TWAIN CENTRO DI PRODUZIONE DANZA
ERA MIO PADRE

coreografia, drammaturgia, regia e costumi Loredana Parrella
musiche Alessandro D'Alessio
interpreti Elisa Melis e Yoris Petrillo
light designer Cesare Lavezzoli e Gianluca Cappelletti
Realizzato in collaborazione con ATCL con il sostegno del MiBACT e della Regione Lazio. Progetto finalista E45 Napoli Fringe Festival 2012, Ne(x)twork 2013 Teatro Orologio.

Era mio padre, seconda parte di Elettra, trilogia di un'attesa, prende spunto da una figura di donna contemporanea: Benedetta Tobagi, figlia di Walter Tobagi, giornalista del Corriere della Sera, assassinato sotto casa nel 1980.
Elettra e Oreste si ritrovano nelle figure di Benedetta e di suo fratello Luca. Insieme cercano di ricostruire la figura privata del padre, attraverso pochi ricordi fatti di parole scritte, gesti e sguardi. Il risultato è una "visione" di Elettra che porta con sé una riflessione sul desiderio, da quello più devastante della vendetta fino a quello più profondo dell'amore.

 

 

29 MARZO 2018
TWAIN CENTRO DI PRODUZIONE DANZA / TST-TEATRI DI VETRO FESTIVAL
CIGNO

coreografia e regia Loredana Parrella
incursioni drammaturgiche Roberta Nicolai
Realizzato in collaborazione con Supercinema/Vera Stasi - Tuscania, T.OFF - Cagliari e con il sostegno del MiBACT e della Regione Lazio.

Cigno è la ricerca di un autoritratto. È la costruzione di partiture corporee e ritmiche dentro le variazioni musicali di un assolo, divenuto tanto famoso da entrare nell'immaginario collettivo: "La morte del cigno" coreografata da Michael Fòkine per la danzatrice Anna Pavlova nel 1907.

 

 

Dal 26 al 29 APRILE 2018
LE CITTA' VISIBILI
SUZANNE

Liberamente tratto da "La Garçonne et l'assassin" di F. Virgili e D. Voldman
drammaturgia Tamara Balducci, Linda Gennari e Lorenzo Garozzo
regia César Brie
con Tamara Balducci, Giacomo Ferraù e Linda Gennari
luci e spazio scenico César Brie | scenografia Matteo Fiorini
costumi Ree Do Lab di Cristiana Curreli | sound designer Marco Mantovani
assistenti Vera Dalla Pasqua e Nicola Sorcinelli
Un primo studio dello spettacolo è arrivato finalista al Bando Game3 del Teatro Stabile delle Marche e ha vinto in ex aequo la Borsa teatrale Anna Pancirolli 2016.

La storia, tratta da un fatto realmente accaduto, è quella di due persone nella Francia del primo ventennio del XX secolo, Paul e Louise, che si innamorano e si separano a causa del primo conflitto mondiale. Paul decide di sottrarsi alla follia del fronte bellico disertando. Louise lo nasconde e lo assiste, ma per lui inizia un lunghissimo periodo di clausura. Una sera per poter uscire senza essere riconosciuto, e quindi arrestato e giustiziato, indossa abiti femminili. Il travestimento, che avrebbe dovuto semplicemente essere un escamotage temporaneo e un mezzo per ottenere la tanta agognata libertà, si rivela come l'inizio di una nuova vita. Da semplice evoluzione superficiale e stilistica, diverrà somatica, comportamentale ed infine profondamente psicologica.
È una storia tenera e dolente, che esprime tutta la sofferenza del vivere, del fare i conti con se stessi, con il proprio passato e con le proprie, angoscianti memorie, legate alla guerra. È la rappresentazione della labilità e dell'inconsistenza delle barriere del genere, delle forzature d'etichetta che bloccano e definiscono rigidamente gli aspetti della realtà.

 

 

31 MAGGIO 2018

COMIZI D'AMORE 20-30

Un progetto di Kepler-452
a cura di Paola Aiello, Enrico Baraldi e Nicola Borghesi
ideazione di Nicola Borghesi

"Il pensiero della vita sessuale, così, a bruciapelo, senza pensarci troppo, le dà più un senso di felicità o di angoscia?".
Comizi d'amore - Pier Paolo Pasolini

Comizi d'amore è un film del '63 in cui Pasolini gira l'Italia "come un commesso viaggiatore" domandando che cosa sia per gli intervistati la sessualità, la famiglia, l'amore.

 

Comizi d'amore è un format creato da Kepler-452 a Bologna nel 2017 per porre le stesse domande qualche anno dopo, tentando di portare in scena le voci e i corpi degli intervistati, insieme alla loro personale idea di sessualità, famiglia, amore.
Comizi d'amore andrà in scena a Roma, presso il Teatro Argot Studio, circoscrivendo la propria indagine ad un gruppo specifico: i giovani tra i 20 e i 30 anni.
Ci apriremo alla città e domanderemo camminando, alla ricerca di analogie e differenze coi Comizi di Pasolini. Tenteremo di indagare le vicende individuali, cercando dentro di esse un significato collettivo, costruiremo drammaturgie insieme ai ventenni e trentenni romani e infine li porteremo in scena.
La nostra generazione è al centro di un dibattito serrato, che abbraccia le più diverse sfere, da quella lavorativa a quella sentimentale: esiste una relazione tra questi due piani? Quale?
Ma soprattutto: possiamo prendere parola in prima persona e parlarne pubblicamente?
E ancora: come fanno l'amore, nel senso più ampio del termine, i ventenni e trentenni romani?
È insolito trovarsi a parlarne, soprattutto in pubblico, soprattutto prendendo posizione sul proprio privato.
A cinquant'anni di distanza dall'indagine di Pasolini parlare d'amore e sessualità rimane difficile. Per questo abbiamo accettato la sfida, dando vita ad una serata in cui confrontarci pubblicamente, in modo dunque politico, su ciò che ci attraversa in privato.

 

 

Orario spettacoli:
dal martedì al sabato ore 20.30
domenica ore 17.30

Botteghino:
Lunedì ore 10.00 - 13.00 e 14.00 - 18.00
Dal martedì al venerdì ore 10.00 - 13.00 e 18.00 - 20.00
Sabato dalle ore 18.00 - 20.00 Domenica ore 15.00 - 17.00

Teatro Argot Studio
Via Natale Del Grande, 27 | 00153 Roma
tel. 06/5898111
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.teatroargotstudio.com

 

Redazione
1 ottobre 2017

Pubblicità La Platea

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori