Lunedì, 04 Marzo 2024
$ £

Intervista a Lara Balbo, interprete di Margherita ne Molto rumore per nulla, in scena al Globe Theatre

Parla ai nostri microfoni, Lara Balbo interprete di Margherita ne Molto rumore per nulla che andrà in scena dal 5 al 30 agosto 2015 al Globe Theatre di Roma

 

Cosa rappresenta per te recitare al Globe Theatre quest’anno, dopo che si è rischiato che la stagione non partisse?

Sono molto felice, perché il Globe oltre a essere un opportunità di lavoro è un posto magico con un atmosfera molto calda, sarebbe stato un peccato che non riaprisse anche perché il pubblico è sempre stato presente, con numeri da record. E’ una gran bella soddisfazione per me.

 

 

Cosa rappresenta per te il Globe Theatre e cosa diresti a una spettatore indeciso se venire o meno a vedere lo spettacolo che ti vedrà in scena a partire da domani?

Per me è molto importante, in primis perché vi recito dal 2011, anno in cui ho debuttato a teatro. Lì ho avuto la mia prima esperienza teatrale vera e propria. Oltre al fatto che c’è un atmosfera molto familiare, direi allo spettatore che è un posto dove può ritrovare uno spettacolo di Shakespeare di alta qualità e in un contesto unico, nel verde del parco di Villa Borghese, si tratta di un teatro immerso nella natura, con un silenzio e una magia che rendono ogni rappresentazione unica

 

Parlaci del tuo personaggio.

Margherità è una damigella al servizio di Ero, in casa di Leonato. Si tratta di una giovane donna maliziosa con una lingua più che tagliente, ama sedurre gli uomini, è molto sfacciata ma nonostante questo non agisce mai con cattiveria, tanto che viene coinvolta nel piano di Don Juan, involontariamente. Questa sua inconsapevolezza sarà poi riconosciuta anche dagli altri personaggi.

 

Cosa significa fare teatro oggi per una giovane come te?

Sicuramente è una grande possibilità, io non so che situazione c’era negli anni precedenti, so’ però, da quello che mi hanno detto che era molto più facile. Adesso la situazone è molto complicata, nel senso che i teatri non dispongono di grandi mezzi economici, ma riuscire a fare questo mestiere è per me molto importante, anche perché è un modo per far rivivere testi di uno spessore enorme, in tal senso mi sento veramente privilegiata.

 

Progetti futuri?

A novembre, uscirà il film Gli ultimi saranno ultimi, per la regia di Massimiliano Bruno, dove interpreterò Matilde. 

A settembre sarò invece in tournée con lo spettacolo così parlò Zarathustra, regia di Matteo Tarasco, testo di  Friedrich Nietzscheche non è mai stato rappresentato prima, e che venne pubblicato nel 1885. Poi penso proprio che, prima di continuare gli studi all’università di Roma Tre, dove frequento il corso di Scienze della Formazione mi prenderò del tempo per una piccola vacanza.

 

 

Enrico Ferdinandi

4 agosto 2015

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori