Sabato, 16 Febbraio 2019
$ £

L’orchestra Wiener Concert alla IUC lunedì 29 maggio 2017

#segnalazione


L'orchestra del Wiener Concert-Verein è stata fondata nel 1987 dai membri dell'Orchestra Sinfonica di Vienna e da allora è stata ospite di molti dei più importanti festival. È ambasciatrice dell'impareggiabile tradizione musicale viennese e del grande amore dei viennesi per la musica e naturalmente dedicherà alla musica viennese il suo concerto straordinario alla IUC di lunedì 29 maggio alle 20.30 nell'Aula Magna dell'Università La Sapienza di Roma (Città Universitaria - Palazzo del Rettorato - Piazzale Aldo Moro 5).
Vienna, se si parla di musica, significa soprattutto Johann Strauss jr, di cui saranno eseguiti alcuni celebri valzer e polke, e Wolfgang Amadesu Mozart, che aprirà il concerto con la Sinfonia in la maggiore K. 201 e con il Concerto per tre pianoforti e orchestra K. 242, una preziosità di raro ascolto, che vedrà schierati sul palco dell'Aula Magna della Sapienza tre pianoforti "gran coda", alla cui tastiera saranno tre bravissimi pianisti italiani, Marcello Mazzoni, Andrea Padova e Marco Scolastra.


L'orchestra viennese spesso suona senza direttore, come in questa occasione: un virtuosismo che solo poche orchestre possono permettersi. È stata ospite di importanti festival musicali tra cui Wiener Festwochen, Festival di Bregenz, Mozart Festival di Würzburg, l'Autunno di Praga, il Ljubljana Festival, il Vienna Klangbogen e l'International Arts Festival di Shenzhen (Cina). Ha lavorato con acclamati direttori come Vladimir Fedosejev, Leopold Hager, Marcello Viotti, Claus Peter Flor, Krzysztof Penderecki, Fabio Luisi e Martin Sieghart. Ulf Schirmer ne è il Direttore Ospite Principale dal 2004.
Nell'anno dedicato a Mozart (2006), l'orchestra ha effettuato tournée in Canada, Germania, Francia, Ungheria, Croazia, Slovenia e Svizzera. Il suo repertorio spazia dalle composizioni orchestrali del periodo classico viennese fino alla musica contemporanea austriaca passando per i capolavori più celebri di ogni epoca e nazionalità. Nel 2001, 2002 e 2006 sono stati premiati dalla "Ernst von Siemens Music Foundation". Nel 2015 l'incisione del Wiener Concert-Verein con musiche di Michael Haydn è stata insignita dell'Amadeus Classic Award per la categoria "Orchestra and Large Ensemble", competendo con le incisioni delle Orchestre Filarmoniche di Vienna e Berlino.

 

WIENER CONCERT-VEREIN
L'Orchestra del Wiener Concert-Verein è stata fondata nel 1987 dai membri dell'Orchestra Sinfonica di Vienna, della quale prende il nome originale. Da allora l'orchestra è stata ospite di importanti festival musicali quali, tra gli altri, il Wiener Festwochen, Festival di Bregenz, Menuhin Festival di Gstaad, Festival di Dubrovnik , Mozart Festival Würzburg, Oldenburger Promenade Concerts, Mozart-Augusta, Autunno di Praga, Festival di Lubiana, Vienna Klangbogen, Festival Haydn Eisenstadt, Festival Internazionale di Musica Santorini, Festival delle Settimane Europee di Passau, Concertgebouw di Amsterdam, Lisinski Hall, Filarmonica di Berlino e International Arts Festival di Shenzhen in Cina.
Nell'anno dedicato a Mozart (2006) l'orchestra ha effettuato tournée in Canada, Germania, Francia, Ungheria, Croazia, Slovenia e Svizzera. Nel 2007 l'orchestra si è esibita in Francia, Spagna e Slovacchia. Il suo repertorio spazia dalle composizioni orchestrali del periodo classico viennese fino alla musica contemporanea austriaca passando per i capolavori più celebri di ogni epoca.
L'Orchestra del Wiener Concert-Verein ha lavorato con acclamati direttori quali Christian Arming, Vladimir Fedosejev, Claus Peter Flor, Leopold Hager, James Judd, Fabio Luisi, Andres Orozco-Estrada, Krzysztof Penderecki, Ildiko Raimondi, Ulf Schirmer, Martin Sieghart, Alison Balson, Giuliano Carmignola, Mischa Maisky, Julian Rachlin, Radovan Vlatkovic. Thomas Rösner, Benjamin Schmid, Vadim Repin, Philippe Entremont.
I Wiener Concert-Verein sono sostenuti dalla Città di Vienna, dall'Ufficio della Cancelleria Federale Austriaca, dall'OESTIG e dall'AKM. Nel 2001, 2002 e 2006 sono stati premiati dalla "Ernst von Siemens Music Foundation".
Nel 2005 l'incisione dei Wiener Concert-Verein con musiche di Michael Haydn è stata insignita della "Amadeus Classic Award", categoria "Orchestra and Large Ensemble", competendo con le incisioni delle Orchestre Filarmoniche di Vienna e Berlino.

 

Marcello Mazzoni
Nasce a Reggio Emilia e comincia gli studi nel locale Istituto Musicale "A. Peri", ottenendo poi il diploma in pianoforte presso il Conservatorio "C. Monteverdi" di Bolzano. Prosegue l'iter all'Accademia di Imola, perfezionandosi con grandi concertisti e insigni didatti.
Ha suonato in veste di solista e di solista con orchestra in importanti sale, stagioni e festival quali: Auditorium Paganini di Parma, Teatro Valli di Reggio Emilia, Sala Greppi a Bergamo, Auditorium San Domenico a Foligno, Palazzo Monsignani - Accademia di Imola (Festival da Bach a Bartok), Teatro di comunale di Belluno, Sala Maffeiana a Verona, Teatro Massimo a Palermo, Aula Magna dell'Università Sapienza a Roma (IUC), Philarmonia di Perm (Russia), Sala del Conservatorio San Pietroburgo, Gasteig - Carl Orff Saal a Monaco di Baviera, Theatre der Jugend Munchen, Singapore Music Hall etc.
Collabora con strumentisti di chiara fama; in particolare vanno citati U. Ughi, Bin Huang, F. Manara, A. Martini, M. Fornaciari, A. Griminelli, S. Ganassi, M. Belli, O. Semchuck, K. Milas, O. Mandozzi ed altri ancora.
Suona abitualmente in qualità di solista con gruppi importanti quali l'Ensemble Berlin - I Solisti dei Berliner Philahrmoniker, Camerata RCO Royal Concertgebouw Orchestra, I Virtuosi Italiani, Wiener Concert-Verein.
Ha al suo attivo una rilevante discografia tra cui, nel 2016-17, le ultime quattro pubblicazioni per Limen Music (Liszt, Brahms, Mozart).
Dal settembre del 2013 è entrato a far parte della rinomata famiglia degli artisti Steinway al fianco di miti quali V. Horowitz, M. Argerich e M. Pollini.
È docente di pianoforte principale presso l'Istituto di Alta Formazione "A. Peri", è membro del C.D.I. del Teatro Valli, è direttore artistico della stagione "Incontro alla Musica", organizzatore ed ideatore del "Festival dei Pianisti Italiani" che si svolgono a Reggio Emilia.

 

Andrea Padova
Andrea Padova si è imposto all'attenzione della critica con la vittoria al "J. S. Bach Internationaler Klavierwettbewerb" nel 1995. Da allora ha tenuto concerti in tutto il mondo, in sale come il Teatro alla Scala di Milano, l'Accademia di S. Cecilia in Roma, Carnegie Hall di New York, Tokyo Opera City Concert Hall, Gasteig di Monaco di Baviera, Granada Festival.
Nel 2008 la rivista "Insound" lo ha premiato come miglior pianista italiano, definendolo «una delle figure più interessanti del panorama pianistico contemporaneo».
È considerato uno dei più innovativi interpreti delle opere di Bach e il musicologo Harold C. Schonberg gli ha riconosciuto «una forte personalità, convinzione, libertà, stile».
Altrettanto a suo agio come interprete del periodo classico e romantico, Andrea Padova ha in repertorio oltre sessanta concerti per pianoforte e orchestra, dall'integrale dei concerti di Bach al Novecento e ha lavorato intensamente come interprete nel campo della musica contemporanea con compositori come Pierre Boulez (Festival d'Avignon - Radio France, 1988) e Leonard Bernstein (Orchestra Nazionale di S. Cecilia, 1989).
Del suo cd dedicato alle Variazioni Goldberg di Bach (Stradivarius, 2015), l'autorevole rivista "Fanfare" ha scritto: «Bella sonorità ed esecuzione emotivamente sensibile, l'ornamentazione è senza fronzoli, elegante, e suona naturale, eccellente l'equilibrio dell'interpretazione». Secondo il "Washington Post" l'esecuzione di Andrea Padova «trasmette il senso di superare con successo i limiti delle possibilità umane».
Nel 2005 il suo disco dedicato a composizioni di Ferruccio Busoni ha ottenuto riconoscimenti, tra gli altri, dall'autorevole rivista "Gramophone". Nel 2009 per il suo cd dedicato a Schumann la critica gli ha riconosciuto una «maestria insuperabile» (MF).
È attualmente impegnato - per Limen - nell'incisione in cd e dvd dell'integrale delle Sonate per pianoforte di Mozart.

 

Marco Scolastra
Ha compiuto gli studi musicali presso il Conservatorio di Perugia diplomandosi con il massimo dei voti e la lode. Ha studiato successivamente con Aldo Ciccolini ed Ennio Pastorino ed ha frequentato corsi di perfezionamento con Lya De Barberiis, Paul Badura-Skoda, Dario De Rosa, Joaquin Achúcarro e Katia Labèque.
Ha suonato per importanti istituzioni musicali: Sagra Musicale Umbra, Teatro Lirico di Cagliari, Accademia Filarmonica Romana, Oratorio del Gonfalone, Auditorium Parco della Musica e Teatro dell'Opera di Roma, Teatro Regio di Parma, Auditorium dell'Orchestra "G. Verdi" di Milano, Teatro Comunale di Bologna, Festival dei Due Mondi di Spoleto, Ravello Festival, Teatro La Fenice di Venezia, "I concerti del Quirinale", Teatro di San Carlo e Associazione "A. Scarlatti" di Napoli, Associazione "B. Barattelli" di L'Aquila, Musei Vaticani, Conservatorio "P. I. Čajkovskij" di Mosca, Tonhalle di Zurigo, Konzerthaus di Berna, Istituto "F. Chopin" di Varsavia, Orchestre National du Capitole di Tolosa, Festival Van Vlaanderen in Belgio. Altri concerti in Giappone, Emirati Arabi, Messico, Gran Bretagna, Germania.
Come solista ha suonato sotto la guida di Romano Gandolfi (Orchestra Sinfonica "G. Verdi" di Milano), Howard Griffits (Orchestra da Camera di Zurigo), Claudio Scimone (I Solisti Veneti), Lior Shambadal (Berliner Symphoniker), Andrew Constantine (Nordwestdeutsche Philharmonie), Yuri Bashmet (I Solisti di Mosca).
Tanti gli "amici musicali": Vadim Brodski, Sebastiano Brusco, Renato Bruson, Sandro Cappelletto, Fejes Quartet, Arnoldo Foà, Corrado Giuffredi, Raina Kabaivanska, Kodály Quartet, Daniela Mazzucato, Elio Pandolfi, Quartetto d'Archi del Teatro di San Carlo, Marianna Pizzolato, Jerzy Radziwilowicz, Desirée Rancatore, Ugo Pagliai.
Ha registrato per Brilliant Classics, Phoenix Classics, Stradivarius, Rai.
Con l'I.S.A. ha recentemente eseguito - in prima italiana - il Tirol Concerto per pianoforte e orchestra di Philip Glass.

 

Info

 

Istituzione Universitaria dei Concerti
www.concertiiuc.it
tel. 063610051-2
fax. 06.36001511
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Biglietti: interi da 15 a 25 euro
Giovani: 8 euro (under 30); 5 euro (under 18)

 

Redazione
25 maggio 2017

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori