Lunedì, 25 Ottobre 2021
$ £

La duplice morte di Giulietta Capuleti

A Roma, nei pressi di via Merulana, c’è una cornetteria storica che di notte è molto frequentata. La felicità in questo luogo ha un costo molto basso, cinquanta, ottanta centesimi per un buon cornetto, con ottima farcitura. Durante la settimana questa cornetteria è punto di ritrovo di alcuni venditori di rose. Questi dopo ore passate in giro per ristoranti e osterie nella speranza di vender i fiori simbolo damore, con i pochi guadagni in tasca, vanno a cenare lì. Quando stanno insieme riescono a trovare la forza per sorridere della vita, mal comune. Quando invece sono da soli, diventa molto più difficile. 

Eccolo che sta lì, fermo, con il corpo abbandonato sullo sgabello. Il cornetto viene avvicinato alla bocca con fare meccanico. La mandibola mastica solo per memoria muscolare. Lo sguardo vitreo è perso nel vuoto, a sognare, immaginare chissà che, chissà quale passato, amore o legame lontano. Il mangiare diventa solo una cosa necessaria per far sì che il corpo possa continuare a sopravvivere, il gusto del cibo non ha più senso, manca la felicità. Questa è la sensazione che si può trovare ogni qual volta si ha a che fare con la perdita dellamore.

Il corpo si allontana dallanima, ogni sensazione esteriore perde dinteresse, diventa bieco ripiego per avere le forze e stare in piedi. La morte, finta morte di Giulietta è tutto questo. Un allontanamento dellanima dal corpo. Fingere di non esser nemmeno più vivi perché senza amore solo lanima merita di soffrire. Ma finché c’è speranza c’è possibilità di fare del corpo quel che si vuole. La seconda morte di Giulietta, quella dellanima è figlia della morte della speranza. Risvegliandosi, trovando al suo fianco un Romeo senza vita essa non può che arrendersi definitivamente. Così anche lanima decide che è arrivato il momento di abbandonare lesistenza terrena poiché a quel punto solo loblio può curare il male di un ricordo che lacera quanto di più intimo c’è in noi. 

 

 

 

Enrico Ferdinandi

11 marzo 2015

 

Stanza a tre

Vincitore terza edizione concorso #inplatea

10/11 dicembre 2019- teatro Trastevere (Roma)

 

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori