Giovedì, 14 Novembre 2019
$ £

PIRANDELLIANA 2019 – XXIII Edizione dal 9 luglio al 4 agosto 2019 presso il Giardino della Basilica dei Santi Alessio e Bonifacio all’Aventino

Torna Pirandelliana, la rassegna organizzata dalla Compagnia Teatrale La bottega delle maschere fondata e diretta da Marcello Amici, giunta quest’anno alla XXIII edizione.
Iniziata nel 1997 al Teatro Romano di Ostia Antica, la manifestazione ha proseguito la sua storia, dal 1999, nel Giardino della Basilica di Sant'Alessio, uno degli spazi più belli dell'Aventino che si affaccia come un solenne balcone sulla Città, un luogo antico, austero, silenzioso, intenso ed elegante.


L'aria che si respira nel Teatro della Bottega non è mai raddensata e severa ma sempre ironica tragedia e commedia tragica.
Considerata una delle rassegne di teatro di maggior prestigio dell'Estate Romana, Pirandelliana, con all’attivo 110.000 presenze, “È teatro di parola, teatro pirandelliano – come sottolinea il direttore Marcello Amici - che affronta gli spazi della solitudine e dell’emarginazione che opprimono e condizionano l’esistenza umana”.  

Come di consueto saranno proposte, a sere alterne, opere teatrali di Luigi Pirandello.
La Rassegna, in programma dal 9 luglio al 4 agosto 2019, propone:
- Tutto per bene (in scena il martedì, il giovedì, il sabato);
- Atti unici: L’altro figlio, Male di luna, Notte, L’uomo dal fiore in bocca, All’uscita (in scena il mercoledì, il venerdì, la domenica).

Si apre il 9 luglio con Tutto per bene, una commedia di Luigi Pirandello tratta dall’omonima novella pubblicata nel 1906. Rappresentata per la prima volta al Teatro Quirino di Roma, il 2 marzo 1920, con la Compagnia di Ruggero Ruggeri, s'incentra sulla figura di Martino Lori che ha sempre ignorato il tradimento della moglie morta, ormai, da sedici anni ed ignora di non essere il padre di Palma. Tutti, intorno a lui, hanno sempre pensato il contrario: Martino, dicono, ha accettato di rappresentare la commedia per sfruttare la situazione.
L’uomo apprende dell’infedeltà della moglie proprio dalla figlia o meglio, da colei che fino a quel momento ha creduto sua figlia. Esplode in Martino un’ansia di ribellione e vendetta, il suo sdegno chiede in qualche modo giustizia: ma chi potrebbe credere alla sua angoscia per un’offesa recatagli tanti anni prima?
 “Due velatini sono collocati quasi al centro della scena, - spiega Marcello Amici, protagonista e regista dello spettacolo - come quella gran tela in ‘Diana e la Tuda’. Le zone oscure recintano l’oltre, la scena negata, l’inconfessato e l’indicibile, dove Martino Lori cerca con gli occhi nell’ombra addensata. Ferito a morte dalla verità, l’uomo non la rifiuta, perché ha recitato, inconsapevole, la parte in un copione sconosciuto. È qui la grandezza di Pirandello: cercare di capire! Solo chi comprende può accettare di stare al giuoco impostoci, spesso beffardo e crudele”.
Martino non si vendicherà, tutto si accomoderà, tutto si concluderà nel migliore e più beffardo dei modi: continuerà a comportarsi, stavolta veramente consapevole, come prima.

“Con cinque atti unici, legati tra loro con delle monadi pirandelliane, vorrei esporre una mia tesi – conclude Marcello Amici, - l’universo pirandelliano è lo spazio dell’istrione che per evitare lo scacco della vita che fa male a tutti, inevitabilmente, esibisce la sua stessa sofferenza nel vano tentativo di mutare in disgusto il piacere ineliminabile della vita. È un palcoscenico di esibizionisti quello descritto negli atti unici ovvero L’altro figlio, La morte addosso (che diventerà L’uomo dal fiore in bocca), All’uscita, Male di luna e Notte; questi ultimi due sono prime assolute con Pirandelliana 2019. Ognuno arriva - come in un web - e racconta la stessa storia: la pena d’esser così e di non poter più essere altrimenti! Laggiù, oltre il fondale, c’è l’uscita. La vita è un breve momento di illuminazione, tutto il resto è buio. E’ un palcoscenico totale, un arsenale delle apparizioni in cui si dipanano i momenti intensi di un Novecento teatrale alla base della drammaturgia contemporanea.”

Il problema della solitudine umana, dell’incomunicabilità, delle verità, quelle da ciascuno di noi credute in un dato momento e in determinate circostanze, la liquidazione del principio di identità, l’angoscia dell’essere sempre differenti da sé stessi, sono disseminati ovunque e trovano risoluzione nelle linee futuriste della scenografia, nelle note di un’armonica a bocca come in quelle di una musica primordiale, nei tempi della parola, tra le dita di una regia sensibile.

L'iniziativa è parte del programma dell'Estate Romana promossa da Roma Capitale Assessorato alla Crescita culturale.


Gli spettacoli della rassegna


TUTTO PER BENE

Martino Lori ha sempre ignorato il tradimento della moglie morta, ormai, da sedici anni e ignora di non essere il padre di Palma. Tutti, intorno a lui, hanno sempre pensato il contrario: Martino, dicono, ha accettato di rappresentare la commedia per sfruttare la situazione. L’uomo apprende dell’infedeltà della moglie proprio dalla figlia, da colei che fino a quel momento egli ha creduto sua figlia. Esplode in Martino un’ansia di ribellione e vendetta, il suo sdegno chiede in qualche modo giustizia: ma chi potrebbe credere alla sua angoscia per un’offesa recatagli tanti anni prima?
Non si vendicherà, tutto si accomoderà, tutto si concluderà nel più beffardo dei modi: dovrà continuare a comportarsi come prima. Tutto per bene!
Ferito a morte dalla verità, l’uomo non la rifiuta, perché ha recitato, inconsapevole, la parte in un copione sconosciuto. È qui la grandezza di Pirandello: cercare di capire! Solo chi comprende può accettare di stare al giuoco impostoci, spesso beffardo e crudele.
Come Proust, anche Pirandello dà sostanza drammatica al sentimento del tempo, quando esso ha trasformato in farsa la tragedia: non si fanno drammi con un mucchio di ceneri!
Per dimostrarlo Pirandello utilizza un ingenuo con una facoltà di abbagliamento incredibile, una creatura come L’idiota di Dostoevskij. È una storia vista ed espressa con occhi indulgenti e con il tributo del desolante sfacelo di un povero impiegato.


L’ALTRO FIGLIO

L'altro figlio è un atto unico tratto dall'omonima novella del 1905. Fu rappresentato al Teatro Nazionale di Roma il 23 novembre del 1923 ad opera della Compagnia Raffaello e Garibalda Niccòli.
Protagonista è una donna anziana, Maragrazia che ha due figliacci emigrati in America. Ad ogni partenza degli emigranti la donna diventa l’interprete di un rituale grottesco, la stesura di una lettera che non sarà mai consegnata ai suoi figli, a Rosario di Santa Fè. Nel paese vive un altro figlio della donna che vorrebbe prendersi cura di lei. Quel figlio è il frutto di uno stupro subito da un brigante che le uccise il marito. La donna sa che quest’altro figlio non voluto meriterebbe almeno lo stesso affetto che lei riserva agli ingrati figli lontani. Non posso, è tal quale suo padre, finanche nella voce, dice Maragrazia, non sono io! È il sangue che si ribella!


MALE DI LUNA

Male di luna è una novella di Luigi Pirandello, pubblicata nel 1913 sul Corriere della Sera e inserita poi tra le Novelle per un anno nel volume Dal naso al cielo. La bottega delle maschere, per la prima volta, la mette in scena. È una novità assoluta.
Un contadino, Batà, è affetto da licantropia. Sidora, la giovane moglie ignara della malattia, rimane atterrita dalla prima crisi a cui assiste in una notte di luna piena. Corre sconvolta dalla madre che, per convincerla a ritornare dal marito, le promette di starle vicina in tutte le notti di luna piena, assieme al giovine cugino Saro di cui Sidora è ancora innamorata.

NOTTE

È una novella inserita nella raccolta “L’uomo solo”. Fu pubblicata il 1 agosto 1912 sul Corriere della Sera.
Silvestro Noli, appassionato d'arte, teatro e musica e insegnante da sette anni in Abruzzo, sta tornando a casa dopo essere andato a trovare la sua famiglia, a Torino. Ripensa con tristezza alla moglie abruzzese, così diversa da lui, che non vuole assolutamente trasferirsi, e un figlio quasi estraneo, come se fosse solo di sua moglie. E' frustrato e le lacrime gli rigano il viso. Alla stazione incontra la moglie di un suo collega, da poco deceduto. La donna gli chiede se canta ancora, come faceva un tempo, quando si conobbero a Matera.
– Noli, non cantate più?
– Io… cantare?
– Ma sí, voi cantavate, un tempo, nelle belle notti… Non vi ricordate più, a Matera? Cantavate… Vi ricordate, Noli?
Tacquero. La fresca, placida tenebra, trapunta da tante stelle avvolgeva il loro cordoglio…
Si racconciò con le mani i capelli sulla fronte e disse, sorridendo, al Noli:
– Chi sa che faccia avrò, caro amico, non è vero?
E si allontanò nella notte.

L’UOMO DAL FIORE IN BOCCA

L'uomo dal fiore in bocca è un atto unico, rappresentato per la prima volta il 24 febbraio del 1922 al Teatro Manzoni di Milano. Pirandello aveva tratto il testo teatrale da una sua novella intitolata La morte addosso.
Nella notte, un uomo parla con un passeggero che ha perduto il treno; gli racconta del suo aggrapparsi alla fantasia, come un rampicante attorno alle sbarre di una cancellata. Spiega come si confeziona un pacchetto, lo ha visto fare tante volte dai giovani commessi di negozio. Descrive le sale d’aspetto dei medici dove i clienti sono in attesa del loro consulto. Insorge contro la moglie che lo sta seguendo a distanza, nascondendosi dietro gli angoli delle case. All’improvviso, dice che gli è spuntato in bocca un fiore che ha un nome dolcissimo, più dolce di una caramella.
«Venga... le faccio vedere una cosa... Guardi, qua, sotto questo baffo... qua, vede che bel tubero violaceo? Sa come si chiama questo? Ah, un nome dolcissimo... più dolce d'una caramella: - Epitelioma, si chiama. Pronunzii, sentirà che dolcezza: epitelioma... La morte, capisce? è passata. M’ha ficcato questo fiore in bocca, e m’ha detto: – «Tientelo, caro: ripasserò fra otto o dieci mesi!»
Questa sua situazione lo spinge a indagare nel mistero della vita e a tentare di penetrarne l'essenza. Per chi, come lui, sa che la morte è vicina, tutti i particolari e le cose, insignificanti agli occhi altrui, assumono un valore e una collocazione diversa.


ALL’USCITA

All'uscita è una breve commedia in un atto unico scritta nell'aprile del 1916. Inizialmente l'opera, definita dallo stesso Pirandello mistero profano, non era destinata ad essere rappresentata, era stata pensata per la narrazione. Fu invece messa in scena per il suo contenuto altamente drammatico il 29 settembre del 1922 al Teatro Argentina di Roma per l'allestimento della Compagnia Lamberto Picasso.
L’autore immagina l’incontro, all’uscita di un cimitero, di alcuni morti che, lasciato nella tomba il loro ormai inutile corpo, prima di scomparire del tutto, ancora per un po’ consistono nell’apparenza che ebbero. A tenerli legati in qualche modo alla vita è un desiderio, un sentimento, la ricerca di una risposta.


Il programma


martedì             9   luglio    TUTTO PER BENE
mercoledì         10    “         ATTI UNICI       
giovedì            11    “         TUTTO PER BENE 
venerdì            12    “        ATTI UNICI
sabato             13    “       TUTTO PER BENE
domenica         14    “       ATTI UNICI
lunedì              15    “       Riposo  
martedì           16    “       TUTTO PER BENE
mercoledì        17    “       ATTI UNICI
giovedì           18    “       TUTTO PER BENE
venerdì           19    “       ATTI UNICI
sabato            20    “      TUTTO PER BENE
domenica        21    “      ATTI UNICI
lunedì            22    “       Riposo   
martedì          23    “      TUTTO PER BENE
mercoledì       24    “      ATTI UNICI
giovedì          25    “      TUTTO PER BENE
venerdì         26    “      ATTI UNICI
sabato          27    “     TUTTO PER BENE
domenica     28    “      ATTI UNICI
lunedì          29    “      Riposo   
martedì       30    “      TUTTO PER BENE
mercoledì    31    “      ATTI UNICI
giovedì         1  agosto  TUTTO PER BENE
venerdì        2    “         ATTI UNICI
sabato         3    “         TUTTO PER BENE
domenica     4    “         ATTI UNICI

 

Biglietti
Ingresso € 18,00 (ridotto € 15,00)
Inizio spettacoli ore 21.15 - apertura botteghino ore 20 - Lunedì riposo
www.labottegadellemaschere.it
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Prenotazioni
Dal 21 giugno è attiva una segreteria telefonica, chiamando il numero: 06-51955055, a cui lasciare la prenotazione.

Dal 1 luglio è possibile prenotarsi per gli spettacoli della PIRANDELLIANA 2019 scegliendo tra due modalità:
PRENOTAZIONE TELEFONICA
tutti i giorni dalle 10.00 alle 13.00 e dalle 15.00 alle 17.30 chiamando i numeri: 331-5790892 oppure 06-51955055; negli orari non assistiti da un operatore sarà attiva una segreteria telefonica a cui lasciare la prenotazione.

PRENOTAZIONE ON-LINE
tutti i giorni compilando l’apposito form presente sul sito https://www.labottegadellemaschere.it/ (le prenotazioni effettuate nello stesso giorno dello spettacolo prescelto saranno accettate inderogabilmente fino alle ore 17.00).


Redazione
4 luglio 2019

 

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori