Sabato, 16 Febbraio 2019
$ £

Quest'oggi si celebra la giornata mondiale del teatro. Una ricorrenza nata nel 1961 a Vienna che ha lo scopo, come afferma l'Istituto Internazionale del Teatro, di ricordare a tutti quale sia l'importanza di quest'arte e far capire come mediante il teatro sia possibile favorire:

«gli scambi internazionali nel campo della conoscenza e della pratica delle Arti della Scena, stimolare la creazione ed allargare la cooperazione tra le persone di teatro, sensibilizzare l'opinione pubblica alla presa in considerazione della creazione artistica nel campo dello sviluppo, approfondire la comprensione reciproca per partecipare al rafforzamento della pace e dell'amicizia tra i popoli, associarsi alla difesa degli ideali e degli scopi definiti dall'U.N.E.S.C.O.»

Add a comment

Roma. Presso il Palazzo delle Esposizioni sarà allestita una mostra in ricordo di Pier Paolo Pasolini dal 15 aprile al  20 luglio 2014. La capitale lo ricorda con un progetto innovativo che ha visto associate, in vista della sua realizzazione, altre tre capitali europee: Barcellona, Parigi e Berlino.

L’intellettuale friulano si trasferì a Roma quando aveva poco meno di trenta anni e questa divenne la città che lo rese famoso come scrittore, regista e poeta. Infatti è osservando le persone comuni, i ragazzi, le donne, i lavoratori delle borgate romane che Pasolini prese ispirazione per le sue creazioni. I protagonisti delle sue storie erano quindi le persone che ebbe modo di conoscere o semplicemente osservare nella vita di tutti i giorni.

Add a comment

Per la prima volta sono in mostra a Roma nel Museo del Vittoriano i capolavori dell’arte del XIX secolo. Il museo romano ospiterà sessantacinque delle opere del museo d’Orsay fino a domenica 8 giugno dando la possibilità a tutti i visitatori di immergersi per una giornata all’interno del mondo degli impressionisti.

Il museo d’Orsay situato in uno dei punti più suggestivi di Parigi, in riva alla Senna e di fronte ai giardini delle Tuileries, originariamente era un’antica stazione, che una volta ristrutturata divenne la sede di esposizione dei capolavori impressionisti del XIX secolo.

Add a comment

Grandissimo successo a Bologna per la mostra dedicata al quadro del pittore olandese Jan Vermeer, 'La ragazza con l'orecchino di perla'. Nei primi nove giorni il quadro, esposto a Palazzo Fava, è stato visto da oltre 28.800 persone (la media è di oltre 3.000 visitatore al giorno). Una bellezza unica, quella del quadro di Vermeer, che ha provocato in ben due visitatrici episodi legati alla sindrome di Stendhal. Si tratta di due episodi avvenuti lo scorso sabato quando due donne, mentre erano intente ad ammirare il quadro si sono sentite svenire, proprio come avvenne allo scrittore francese Stendhal quando a Santa Croce (Firenze) si sentì sopraffatto dalla bellezza artistica dell'ambiente.

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori