Martedì, 07 Febbraio 2023
$ £

Intervista ad Alessia Bellotto in scena al Teatro Studio Uno dal 12 al 15 novembre 2015

#andiamoateatro

Torna in scena Alessia Bellotto e lo fa a distanza di cinque anni riproponendo al pubblico Romano uno dei suoi ultimi lavori teatrali con la nuova regia di Loris Di Pasquale, rimaneggiato in modo da rendere il tutto più leggero, ironico, tagliente, più consono alle sue qualità attoriali.


Ragazza in Erba è un testo che hai già portato in scena nel 2010 per la regia di Paolo Civati, quali esigenze espressive ti hanno spinto a riportarlo in scena a distanza di 5 anni?

Quando l' abbiamo portato in scena nel 2010 il pugno di ferro verso la marjiuana era ancora più duro e il testo non era stato capito anzi, addirittura in una replica a Perugia i giornali mi avevano sbattuto tra le prime pagine titolando " l'attrice Alessia Bellotto istiga i ragazzi a drogarsi con il suo spettacolo Ragazza in erba". È tutto questo senza neanche degnarsi di venire a vedere lo spettacolo, che usava l'ostracismo alla marjiuana per analizzare la società. Dopo quella botta ho deciso di abbandonarlo. A farmelo riprendere è stato Loris Di Pasquale che ha riscritto il testo con me e ne ha curato la regia.

 

Quali sono stati gli input che portarono alla nascita del testo.

L'esigenza di tornare alle origini del teatro, mettendo in scena i problemi della società, analizzandoli e criticandoli se necessario.

 

Il cambio di regia ha cambiato qualcosa alle dinamiche originarie dello spettacolo?
È stato un cambio radicale: testuale e registico. Loris Di Pasquale ha rimesso mano al testo rendendolo più leggero, ironico, tagliente e più consono alle mie qualità attoriali, in modo da poter veicolare al pubblico, attraverso un Linguaggio comprensibile e direi molto divertente, un messaggio profondo.
Quanto c'è di vissuto da te nella vita reale tra le righe dei ricordi della protagonista Sara Fiorentini?
Ognuno porta in scena parti di se stesso quindi qualcosina di vissuto di Alessia Bellotto c'è, si è cercato però di dare voce attraverso la vita di Sara alle tante persone che come lei hanno vissuto quel dramma.

 

Tutti i buoni motivi per venire a seguire Ragazza in Erba dal 12 al 15 novembre al Teatro Studio Uno.

Perché è uno spettacolo molto divertente senza rinunciare all'analisi critica della società e del momento storico in cui è ambientato e poi perché la protagonista è una donna che, con tutte le sue insicurezze tipiche e la sua vita scombussolata, riesce ad entrare nel cuore delle persone.

 

Fabio Montemurro
14 novembre 2015

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori