Lunedì, 27 Giugno 2022
$ £

R-OSA 10 esercizi per nuovi virtuosismi: meno facile è meglio che difficile?

Recensione dello spettacolo R-OSA 10 esercizi per nuovi virtuosismi, il 17 febbraio 2022 all’ Auditorium di Roma all’ interno della rassegna Equilibrio.

 

“Cos’è un corpo?”

A questa domanda prova a rispondere lo spettacolo “R-OSA 10 esercizi per nuovi virtuosismi” inserito nella rassegna Equilibrio”, che dal 12 al 26 febbraio 2022 porta all’ Auditorium Parco della Musica di Roma il meglio della coreografia internazionale. 

E la soluzione arriva attraverso una performance unica dove l’attrice Claudia Marsicano diretta da  Silvia Gribaudi, ci risponde con il suo corpo in scena, mostrandoci tutto, tranne paradossalmente il corpo. Un paradosso che disegna uno spettacolo bello e curato che ormai ha una sua storia, sia nel mondo della danza, che in quello del teatro. Claudia Marsicano finalista al premio UBU come  nuova attrice under 35, produce dal suo fisico un serie di virtuosismi che esulano dalla forma e dalla dimensione, che lei propone a un pubblico di un Auditorium pronto anch’esso a mettersi in gioco insieme all’attrice. Uno spettacolo in cui il palco occupato dalla Marsicano, diviene un palco pubblico dove l’interazione con l’altro supera anche i paradigmi della quarta parete.

Il pubblico non solo deve esserci, ma deve esserci anch’esso con il corpo, con i movimenti, con l’azione.  La Marsicano utilizza lo stratagemma del fingersi inglese, con una finalità non solo comica, ma come lei stessa spiegherà nel dibattito finale con il nuovo curatore della rassegna, Emanuele Masi, ma anche con lo scopo di tenere il pubblico attento alle parole, costretto all’ascolto, proprio perché non di facile decifrazione. I dieci esercizi, non sono altro che dieci step per raccontare le possibilità che l’essere umano ha di mettere in gioco i propri talenti, i “propri virtuosismi” appunto che sono dei fatti assolutamente individuali, non necessariamente sottolineati da un talento straordinario, piccole cose, gesti. Il talento straordinario è invece quello di Claudia Marsicano, attrice appena trentenne, che riesce a fare del suo fisico ciò che vuole, attraverso i movimenti, la mimica facciale, la voce, le parole, i suoni. Davvero magica!

Magico anche il racconto che fa di sé quando a fine spettacolo si apre un piccola discussione con il pubblico, ancora una volta il suo corpo c’è, ma paradossalmente non c’è. C’è una donna che al di là di una evidente ironia racconta il suo percorso artistico con una tale leggerezza e un totale disincanto che lascia forse più stupiti dello spettacolo stesso. 

“R-OSA 10 esercizi per nuovi virtuosismi” è uno spettacolo che è stato fermo per circa due anni, dopo una serie interminabile di repliche fatte in tutto il mondo e in questa scoppiettante ripresa all’ Auditorium di Roma nella rassegna Equilibrio la Marsicano palesa tutta la sua paura di riprendere in mano un qualcosa che “non sa più se sa fare”, e invece il corpo ne ha talmente memoria che la performance scorre fluida e leggera con il solo intento di farci stare dentro l’azione. 

Non abbiamo scorto nessuna volontà pedagogica in questo bellissimo racconto, nessuno vuole insegnare niente a nessuno, ci pare invece che l’intento unico della regista Gribaudi (non presente in sala poiché coinvolta nell’ allestimento di un nuovo spettacolo) sia semplicemente quello di metterci dinanzi a un'unica domanda, che l’attrice ci pone in un italiano storpiato:

“Meno facile è meglio che difficile?”

Lo è, meno facile è il possibile!

 

Barbara Chiappa

19 febbraio 2022

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori