Martedì, 12 Novembre 2019
$ £

Signorinette: le donne si guardino dal lasciar tracce di rossetto sulle schede

sabato 8 marzo ore 21.00 e domenica 9 marzo ore 18.00

di Tiziana Avarista, Carmen Giardina, Anna Maria Loliva, Federica Marchettini

con Tiziana Avarista, Carmen Giardina, Anna Maria Loliva, Federica Marchettini

 

Ass. Cult. Beat 72

 

Nel primo dopoguerra si deve scegliere tra Monarchia e Repubblica ed eleggere l‘Assemblea Costituente per disegnare la nuova identità istituzionale. Quel 2 giugno del 1946 per le donne il salto è doppio: votano e possono essere votate.

Sono oltre dodici milioni. Arrivano ai seggi emozionate, come si conviene per un appuntamento importante. Su 556 deputati eletti, 21 furono donne. Cinque di loro entrarono nella “Commissione dei 75″ incaricata di scrivere la Carta Costituzionale. Alcune di loro hanno origini umilissime, quasi tutte hanno combattuto in prima persona durante la resistenza. Si sono battute per la parità salariale, per la tutela della maternità, per la cancellazione dell’N.N. dai documenti anagrafici, per l’equiparazione dei figli adottivi a quelli legittimi, per la partecipazione all’amministrazione della giustizia, contro un’immagine della donna che la voleva remissiva moglie e madre.

 

 

Redazione

 

5 marzo 2014

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori