Giovedì, 23 Maggio 2024
$ £

Starlight Express: il musical che fa sognare la Germania da più di trent’anni

Recensione dello spettacolo Starlight Express in scena allo Starlight Express Theatre di Bochun, in Germania

 

Andrew Lloyd Webber è, a ragione, considerato tra i compositori di musical più grandi di tutti i tempi: basti citare alcune delle sue opere quali Cats, Jesus Christ Superstar, Evita. Una sua creazione in particolare, meno conosciuta nel nostro Paese, pare aver incantato la Germania: si intitola Starlight Express e i tedeschi la amano così tanto da aver eretto un teatro appositamente per ospitarla. Si trova a Bochum ed è qui che, dal 1988, va in scena la versione tedesca di questo musical che ha regalato – e continua a farlo - diversi momenti memorabili già solo per il fatto di essere interamente interpretato sui pattini a rotelle. Una scelta non solo artistica perché la velocità è uno degli elementi fondamentali della trama, che parla di sfide, sentimenti e scoperta di sé.

Un bambino sta giocando con il suo trenino. Quando arriva il momento di andare a dormire la madre gli canta una ninna ninna grazie alla quale il piccolo si addormenta ritrovandosi in un mondo fatato dove persino i trenini della sua cameretta prendono vita in occasione di una gara: la World Locomotive Championship. Treni da tutto il mondo arrivano per stabilire chi sia il migliore tra loro, tenendo conto dei loro motori: diesel, ad elettricità o a vapore? Ognuno di essi ha caratteristiche diverse: per esempio c’è lo spocchioso diesel Greaseball che è anche il campione in carica, l’elegante Coco, la veloce locomotiva francese, Manga, il rapidissimo treno giapponese, il puntuale ICE Ruhgold direttamente dalla Germania, il divertente Espresso rinomato per la sua tratta Roma-Milano. L’elenco continua con Elettra, il vero rivale di Greaseball e il giovane Rusty, un treno a vapore che si innamora a prima vista della carrozza Pearl. Treni e carrozze si uniscono per partecipare alla corsa ma Pearl sceglie Elettra, ferendo i sentimenti di Rusty: che, scoraggiato, decide di non partecipare alla prima sfida, lasciando il posto a Mama. La vecchia locomotiva a vapore si sforza fino all’ultimo sbuffo per ottenere la vittoria ma l’onore dei treni a vapore è ora sulle spalle di Rusty: solo con il suo impegno potranno vincere. Al giovane treno non resta che chiedere l’aiuto del leggendario Starlight Express: riuscirà a ottenere il miracolo di cui crede di aver bisogno o riuscirà a trovare la forza dentro di sé?

La trama di Starlight Express può apparire scontata: in fondo si tratta di una storia di formazione, dove il più giovane scoprirà un coraggio e delle risorse che non sospetta di avere anche grazie all’amore che prova per qualcuno che sembra non accorgersi di lui. Il motivo per cui val la pena assistere di persona a questo spettacolo è la straordinaria messa in scena: favolosi i costumi che caratterizzano locomotive e carrozze, un gioco di luci eccellente, un palco di sorprendenti rampe e, soprattutto, l’intero cast di artisti che recita e canta compiendo vere e proprie acrobazie sui pattini. Meritano una menzione speciale: l’eccellente Massimiliano Rizzo, attore italiano che interpreta il protagonista Rusty, la veterana Reva Rice nel ruolo di Mama, la deliziosa Emilie du Leslay che dà corpo a Pearl e il convincente David Brown nel ruolo del presuntuoso Greaseball. L’adattamento in tedesco risulta anch’esso gradevole, senza sacrificare nulla al senso delle canzoni più classiche e funzionando anche sui nuovi brani che virano verso l’hip hop, nonostante la sua musicalità sia molto diversa dall’inglese. Del resto, se dopo più di trent’anni di repliche questo musical continua a far sognare i più piccoli così come i più grandi, un motivo ci sarà.

 

Cristian Pandolfino

20 maggio 2023 

 

Informazioni

Starlight Express Theatre

Starlight Express

Musiche Andrew Lloyd Webber 

Testo Richard Stilgoe

Regia e Coreografia Arlene Phillips 

Scenografie, costumi e trucco John Napier

Supervisore musicale Graham Hurman 

Disegno Sonoro Gareth Owen

Luci e showdesign Rob Sinclair 

Video e proiezioni Duncan McLean

Assistente regia e coreografia Mykal Rand 

Direttore artistico Steven Rosso 

Coach di pattinaggio e race supervisor Andrew Millar

Direttore Musicale Matt Rampling 

Assistente alla direzione musicale Tim Davies 

 

Con: Max Rizzo (Rusty), Emilie du Leslay (Pearl), Reva Rice(Mama), David Brown(Greaseball), Rose Ouellette (Dinah), Lloyd Davies (Electra), Daniel Ellison (Caboose), Sydnie Christmas (Carrie), Dieuwke Tönissen (Belle), Jamie Landmann (Dustin), Delano Willemsen (Flat Top), Lashane Willams (Rocky 1), Jordan Rose (Rocky 2), Cassie Rogers (Rocky 3), 

Ida Swann (Joule), Gary Sheridan (Killerwatt), Jayred Lempriere (Volta), Kevin Köhler (Brexit), Molly McGuire (Coco), Terence Uphoff (Espresso), Vladimir Hub (Manga), Cole Dunn (Ruhrgold), Jay Le Marrec (Turnov). 

 

Swings e trax: Jessie Angel, Melanie Dull, Jessica Lapp, Alexandra Regan, Owen Broughton, Kai Cameron-Jay, Brad Corben, Michael Eborall, Luuk Hartog, 

Ryan James, Andrew Millar, Tom Nihill, Marc McFayden, Benjamin Van Eelen, Nils Rinas, Felix Fälling, Jérémy Suarez Jimenez, Maria Jane Hyde. 



 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori