Venerdì, 22 Novembre 2019
$ £

Alessandro Arnone, direttore generale del Teatro Manzoni di Milano, ha fatto gli onori di casa lunedì 25 settembre per presentarne la stagione 2017-18 che si preannuncia ricca e variegata, costituita in totale da quarantuno titoli (tra commedie, singole serate, interviste, balletto, mini-musical, fiabe per tutta la famiglia) suddivisi in cinque cartelloni differenti pronti a catturare esigenze e gusti di ogni genere di pubblico. Presenti in sala moltissimi tra gli artisti che durante l’anno saliranno sul palcoscenico per regalare emozioni. Attori e registi che, l’altra mattina, sono stati i primi a emozionarsi davvero. Tanti, perché lieti di tornare ancora nel prestigioso teatro meneghino dopo aver già ottenuto l’apprezzamento del pubblico con lavori precedenti. Altri perché onorati di calcarne per la prima volta il palcoscenico.

Add a comment

#andiamoateatro


Il Teatro Sala Vignoli, sotto la guida del direttore artistico Eugenio Dura, è pronto a presentare un cartellone ricco di appuntamenti.
La seconda stagione promette di intraprendere un indirizzo netto e preciso rivolgendosi ad una drammaturgia contemporanea e ad autori giovani, proponendo grandi classici rivisitati, opere di prosa e musical, con uno sguardo anche sulla romanità.
Si parte il 17/18/19 novembre con la Compagnia teatrale Esagera con Cara Professoressa di Ljudmila Razumovskaja con la regia di Andrea Bizzarri.

Add a comment

#musica

Anche quest'anno la IUC propone al pubblico dell'Aula Magna una delle stagioni più dinamiche del panorama musicale italiano, una continua alternanza di epoche, strumenti e generi differenti. La inaugura Anna Caterina Antonacci col Combattimento di Tancredi e Clorinda e la conclude Peppe Barra, ineguagliato interprete della tradizione partenopea.
Il nucleo della stagione è la musica classica dal Rinascimento ai nostri giorni, sempre presentata in modo originale e stimolante. Ecco dunque Les Noces di Stravinskij nella versione di Roberto De Simone, Il Flauto magico con Elio delle Storie Tese e i solisti dei Berliner Philharmoniker, il Bach di Ramin Bahrami a cui si sovrappongono le improvvisazioni di Danilo Rea.

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori