Lunedì, 27 Giugno 2022
$ £

«Colla berretta d'un cuoco, faremo una bandiera»

Napoli, 1878: Giovanni Passannante, cuoco lucano di umili origini, ultimogenito di dieci fratelli, con un coltello dalla lama di 12 centimetri, assale la carrozza reale che trasportava, per le vie del capoluogo campano, il nuovo Re d’Italia – incoronato a Gennaio dello stesso anno – Umberto I, la moglie Margherita, il figlio e futuro Re Vittorio Emanuele III e l’allora Presidente del Consiglio Benedetto Cairoli, con l’obiettivo, mosso da ideali anarchici e sentimenti  antimonarchici, in nome di una maggior uguaglianza sociale, di attentare all’incolumità del sovrano.

Add a comment

  LUx

                                                                                                                                               NAture

                                                                                                       (Cesare Della Riviera,Il Mondo magico de gli heroi,Milano,1605)

 

                                                                                                                          Natur die spricht : << Mir nach!>>

                                   (Anonimo della Scuola di Paracelso,Berglied o Canto della Montagna,fine XIV inizio XV secolo)

Chi è davvero Cyrano?

Add a comment

Dopo lo straordinario successo del giallo a tinte decisamente parodiche de “Il mistero dell’assassino misterioso” il duo comico, ormai da anni consolidatosi grazie alle vincenti performance sia in televisione che al cinema oltre che in radio -  con il consueto appuntamento di 610 (“sei uno zero”) su Radio2 – torna prepotentemente a cavalcare e a divorare le scene teatrali dell’Ambra Jovinelli con il nuovo e coinvolgente “Occhio a quei due”. 

Add a comment

Le movenze di Totò, le cadenze di Massimo Troisi e la magia di Eduardo de Filippo in un unico attore, Carlo Ragone, che porta in scena al teatro Eutheca di Roma, all'interno dell'evento Festival di Narrazione, lo spettacolo “Intestamé”.

Intestamè, un testamento che sta in testa a me, anzi in testa a Matteo. Un espediente che gli permette di rivivere la vita vissuta attraverso gli oggetti che hanno segnato la sua esistenza. Un giornale, 'Life', lasciato al cognato, una forbice al fratello, una macchina ad uno zio... ma l'eredità più grande è quella che Matteo lascia al figlio Fernando: «Spero tu possa vivere quello che io non ho vissuto».

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori