Lunedì, 27 Giugno 2022
$ £

A Roma, nei pressi di via Merulana, c’è una cornetteria storica che di notte è molto frequentata. La felicità in questo luogo ha un costo molto basso, cinquanta, ottanta centesimi per un buon cornetto, con ottima farcitura. Durante la settimana questa cornetteria è punto di ritrovo di alcuni venditori di rose. Questi dopo ore passate in giro per ristoranti e osterie nella speranza di vender i fiori simbolo damore, con i pochi guadagni in tasca, vanno a cenare lì. Quando stanno insieme riescono a trovare la forza per sorridere della vita, mal comune. Quando invece sono da soli, diventa molto più difficile. 

Eccolo che sta lì, fermo, con il corpo abbandonato sullo sgabello. Il cornetto viene avvicinato alla bocca con fare meccanico. La mandibola mastica solo per memoria muscolare. Lo sguardo vitreo è perso nel vuoto, a sognare, immaginare chissà che, chissà quale passato, amore o legame lontano. Il mangiare diventa solo una cosa necessaria per far sì che il corpo possa continuare a sopravvivere, il gusto del cibo non ha più senso, manca la felicità. Questa è la sensazione che si può trovare ogni qual volta si ha a che fare con la perdita dellamore.

Add a comment

Ci siamo: giovedì alle 21 nella Sala Petrassi dell’Auditorium Parco della Musica si alza il sipario sulla sesta edizione di Libri come, la grande Festa del libro che quest’anno richiama tutti sui banchi di scuola. È questo infatti il tema chiave che guida gli oltre 100 eventi della manifestazione promossa e organizzata dalla Fondazione Musica per Roma, a cura di Marino Sinibaldi, con la collaborazione di Michele De Mieri e Rosa Polacco. Dal 12 al 15 marzo 2015 la Scuola e i suoi protagonisti, chi la vive e chi la racconta, sono al centro di conferenze, presentazioni, mostre, laboratori e maratone collettive. 

La festa si inaugura all’insegna dei mentori, quelle figure di riferimento per i giovani e non solo, che trasmettono il sapere, aiutano a capire se stessi e ad orientare le proprie scelte. Per il ciclo di interviste “I miei Maestri”, Marino Sinibaldi dialoga con Umberto Eco: cosa significa oggi essere un maestro, che responsabilità comporta e quali sono stati i suoi, in carne ed ossa come pure letterari? Un botta e risposta intenso che promette di appassionare il pubblico e ispirare i più giovani. Conclude il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Stefania Giannini sul ruolo della scuola come fonte di nozioni ma anche e soprattutto di lezioni di vita.

Add a comment

   "Qualunque cosa sogni d'intraprendere, cominciala. L'audacia ha del genio, del potere, della magia"

                                                                                                                                Johann Wolfgang von Goethe

È pregna di questi ingredienti la Tosca che ci propone (o forse sarebbe il caso di dire "ri-propone") il Teatro Costanzi, a partire da domenica primo marzo. Genio, potere e magia riscontrabili grazie alla grande audacia del Teatro dell'Opera di Roma, che non si lascia scoraggiare dalla crisi e dalle problematiche ad essa legate di cui tutti siamo al corrente, e investe sulla suggestività. Durante la conferenza stampa del 27 febbraio 2015 tenutasi proprio all'interno del Costanzi, il regista Alessandro Talevi, il direttore d'orchestra Donato Renzetti, il sovrintendente teatrale Carlo Fuortes ed il direttore artistico del teatro dell'Opera di Roma Alessio Vlad, hanno provveduto a sottolineare l'importanza di tale evento, mettendo in risalto il legame storico tra quest'opera e il Costanzi; esso nasce infatti negli ultimi anni dell'800, e la prima della Tosca viene rappresentata il 14 gennaio del 1900.

Add a comment

Si è spento ieri notte Luca Ronconi. Regista e attore teatrale era nato l'8 marzo 1933 a Susa, in Tunisia. Diresse il Teatro di Roma, lo Stabile di Torino e fu anche il direttore artistico del Piccolo di Milano. Proprio al Piccolo Teatro Grassi di Milano sarà in scena fino la 15 marzo il suo ultimo lavoro, Lehman Trylogy, ovvero la saga della famiglia Lehman, dall’arrivo in America al crack finanziario del 2008, protagonisti Massio De Francovich, Fabrizio Gifuni e Massimo Popolizio.

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori