Giovedì, 18 Luglio 2024
$ £

Recensione di Some girl(s) in scena al Teatro Quarticciolo dal 20 al 22 marzo

Una ricerca del tempo (di coppia) perduto?

Forse.

Un uomo, insegnate e scrittore, decide,  prima di sposarsi, di fermarsi un attimo e tornare indietro ricontattando e vedendo quelle che sono state le donne delle relazioni più importanti della sua vita.

Inizia così un viaggio negli Stati Uniti fatto di camere d'albergo e incontri non sempre piacevoli.

Perché?

Add a comment

Recensione di Fuoco su tre sorelle in scena al Teatro Sala Uno dal 20 al 22 marzo

"PEEL SLOWLY AND SEE" (Andy Warhol)

Cechov... ancora una volta Cechov.

Però stavolta con quel qualcosa in più, tipico del linguaggio più proprio del teatro d'avanguardia, che l'ha reso meno patetico e più piacevole.

La storia è sempre la stessa: in una casa nella campagna russa, tre giovani sorelle di estrazione borghese, Olga, Maša e Irina, passano le loro estenuanti e noiose giornate svolgendo i loro insoddisfacenti lavori nell'attesa di tornare finalmente a Mosca, dove pensano di riuscire ad evadere dagli schemi imposti dal loro status sociale e quindi di porre fine alle loro frustrazioni.

Add a comment

Recensione di Una volta nella vita in scena al Teatro Petrolini dal 18 al 29 marzo

Riprendere coscienza e aprire gli occhi sdraiati su un lettino di metallo, al freddo, coperti solo da un lenzuolo… è quello che succede ai tre protagonisti di questa commedia dai toni leggermente surreali.

Il primo a svegliarsi è un rapinatore che quando si accorge di dove si trova inizia a far un gran rumore cercando di aprire l'armadietto dove presuppone ci siano i suoi indumenti.

Tanta confusione fa svegliare un banchiere logorroico e nevrotico che con un colpo ben assestato risolverà tutto attirandosi la attenzione e momentanee simpatie non desiderate.

Add a comment

Recensione di Finale di partita in scena al Teatro degli Audaci dal 7 al 22  marzo

"Finita, è finita, sta per finire, sta forse per finire"

Queste le parole con cui esordisce Clov all'inizio della rappresentazione, ma si potrebbe anche leggere fra le righe un consiglio ad affrettarsi ad andare a vedere Finale di partita al Teatro degli Audaci, in scena dal 7 al 22 marzo sotto la regia di Leonardo Cinieri Lombroso. Finale di Partita è uno dei capolavori indiscussi del drammaturgo irlandese Samuel Beckett, colui che porta per la prima volta a teatro qualcosa che nessuno prima di lui aveva osato rappresentare: la totale mancanza di senso della vita.

Se già con Aspettando Godot nel 1953 aveva stravolto gli schemi del teatro tradizionale scegliendo come protagonisti dei personaggi ai margini della società, degli antieroi per eccellenza che intraprendono discorsi privi di senso per ingannare l'attesa di un misterioso personaggio che tarda a manifestarsi e rendendo tale logorante attesa l'elemento attorno cui far ruotare tutta la pièce, con Finale di Partita nel 1957 non fa che perfezionare quest'opera di stravolgimento: la comunicazione (per di più fallimentare) ha anche qui la mera funzione di intrattenere nell'attesa della FINE, tanto invocata dai personaggi quanto remota, puntualmente posticipata.

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori