Lunedì, 22 Aprile 2019
$ £

     

  "In the greenest of our valleys

                                                                                                                                  By good angels tenanted,

                                                                                                                                  Once a fair and stately palace--

                                                                                                                                  Radiant palace--reared its head.

                                                                                                                                  In the monarch Thought's dominion--

                                                                                                                                  It stood there!

                                                                                                                                  Never seraph spread a pinion

                                                                                                                                  Over fabric half so fair!

         

                                                                                                                                             

Add a comment

Siamo in grado di comprendere e capire quale sia la verità che sta celata nelle nostre intenzioni, emozioni o gesti? Grazie a 'L'importanza di chiamarsi Ernesto', in programmazione al teatro Quirino di Roma è possibile indagare in tal senso. 

Un nome, quel nome, quello che ci portiamo dietro dal giorno della nostra nascita e che determina buona parte dell'idea che gli altri hanno di noi, lui è il protagonista dell'opera di Oscar Wilde. Qui la verità è solo quella che viene palesata agli altri, tanto che anche le bugie, paradossalmente, possono finire per combaciare con il reale andamento dei fatti. Jack, interpretato da un grande Geppy Gleijeses, cerca proprio di farci capire questo. Lui, stanco dell'immagine che gli altri hanno della sua persona, inventa un alter ego, Earnest. Grazie a quest'espediente può recarsi a Londra di tanto in tanto per dar libero sfogo a quel lato della sua personalità, forse la più vera, repressa dalla routine della vita di campagna.

Add a comment

Signorinette. Le donne si guardino dal lasciar tracce di rossetto sulle schede, con Tiziana Avarista, Carmen Giardina, Anna Maria Loliva, Federica Marchettini; regia  di Nuccio Siano

L'8 e il 9 marzo nella calda cornice del Teatro Quarticciolo il pubblico ha potuto emozionarsi con una messa in scena dello spettacolo Signorinette, un fresco docu-Teatro che evocando il passaggio storico del referendum del '46 tra monarchia e repubblica apre una riflessione sul riconoscimento del ruolo politico della Donna nell'Italia moderna, passato attraverso gli anni del ventennio, della guerra e della ricostruzione con il lavoro quotidiano di milioni di mogli, sorelle e madri.

Add a comment

«mercoledì 5 giugno, dopo ore di perplessità i risultati del referendum cominciano a comparire nelle edizioni straordinarie: l'Italia è repubblica!»

Così recitava un cinegiornale chiudendo un passaggio storico (2 giugno 1946) e, una delle notizie più belle relative a quel frangente è che veniva affrontato con lo strumento del suffragio universale: l'Eguaglianza e l'Amore cantarono dentro questo traguardo.

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori