Lunedì, 26 Agosto 2019
$ £

Pirandelliana, la rassegna più amata dell’estate romana, anche quest’anno è tornata ed è pronta a farci compagnia, a farci rilassare, a farci divertire e a farci riflettere. Abbiamo intervistato Marcello Amici, direttore ed ideatore de La Bottega delle Maschere, nonché di questo teatro per le strade, nelle piazze e, se vogliamo, nelle chiese (da vent’anni ormai Pirandelliana si svolge nel cortile della Basilica dei Santi Alessio e Bonifacio sull’Aventino) il quale ci ha svelato non poche curiosità di questa rassegna e delle altre che l’hanno preceduta, inanellando al contempo, una squisita disquisizione sul concetto di teatro, di letteratura e di cultura in generale.

Add a comment

Una donna in grado incarnare in pieno lo spirito dell’artista, una carriera eterogenea nella quale si è potuta cimentare in molti ruoli, amata da un pubblico vastissimo. Dialogare con lei è stata una vera e propria scoperta. Scoperta avvenuta in occasione della messa in scena dello spettacolo “Dall'inferno all'infinito” presso l’Auditorium di S. Michele Arcangelo a Sezze (all'interno del Festival Radure), grazie alla quale abbiamo avuto modo di conoscere la vita avvolta dalla poesia, dalla musica e dalla recitazione di Monica Guerritore.

 

“Dall'inferno all'infinito”, poesia e teatro, due arti che sembrano inflazionate oggi… cosa ne pensa?

Ci sono spettatori che sono già tornati quattro volte a vedere lo spettacolo, questo è già un dato indicativo. Quello raccontato nello spettacolo è un viaggio che non ti aspetti, ha dei forti connotati psicoanalitici, ciò permette allo spettatore di essere preso, rapito, da suggestioni in grado di spiazzare l’intelletto.

Add a comment

Parlare con Gabriele Pignotta, in scena in questo periodo con Toilet al Teatro 7 di Roma fino al 18 aprile, è come immergersi e tuffarsi all’interno della sua esperienza teatrale ma anche di vita. Accompagnarlo telefonicamente e seguirlo dal posto in treno al taxi fino alla sosta improvvisa ed improvvisata in farmacia, è stato come fare con lui un viaggio quotidiano. Il tutto mentre raccontava la sua ultima fatica teatrale e si raccontava come attore, come sceneggiatore, come regista ma anche, soprattutto, come uomo: con le sue osservazioni, le sue intuizioni e la sua trascinante euforia nel gettarsi a capofitto in un nuovo, originale, spettacolo.

 

Di solito in bagno, si dice, nascono le più grandi intuizioni…è questo il caso?

Devo ammetterlo, come autore prediligo gli spazi chiusi. La mia prima commedia di successo d’altronde è stata Una notte bianca la storia di tre persone che rimangono chiuse in un ascensore. Ricercavo quindi un po’ quella spinta lì dopo progetti magari più rassicuranti, non ultimo quello con la Cuccarini e Ingrassia (Non mi hai più detto ti amo ndr) una prosa un po’ più classica. Ora, quindi, volevo affrontare la sfida di uno spettacolo più moderno: uno spettacolo in stile Netflix.

Add a comment

#intervista a Fausto D'Agostino presidente dell’Associazione Centro Formazione Medica

“Una serata per la vita”, questo il nome dell’evento in scena al teatro Tirso de Molina il 21 febbraio, in che modo andare a teatro può contribuire a salvare una vita?

Grazie alla beneficenza, i proventi della sono stati destinati all’acquisto di un defibrillatore, che sarà dato in beneficenza. Quest’anno ci siamo affidati al massimo esperto in questo campo, il Dott. Ivo Pulcini e il defibrillatore sarà donato ai bambini cardiopatici con un evento che avrà luogo il 23 marzo e che sarà dedicato anche alla memoria di Fabrizio Frizzi.

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori