Giovedì, 01 Ottobre 2020
$ £

Nel periodo particolare che stiamo attraversando, dove si tende a volte a delegare a fattori esterni le sorti della nostra vita, la commedia rappresenta un’ esortazione a responsabilizzarci nel far dipendere l’esito di certi eventi principalmente dalle nostre scelte piuttosto che da forze superiori.

Commedia in tre atti scritta da Peppino De Filippo nel 1942. Nella versione in oggetto (1959) allestita per la televisione, Peppino curò anche la regia teatrale, mentre quella televisiva fu affidata a Fernanda Turvani. Il tema è quello della superstizione molto caro a Peppino De Filippo, ricorrente anche in: “ L’ospite gradito” ed accennato in: “ Don Raffaele ‘o trombone”. 

Il commendatore Gervasio Savastano (Peppino De Filippo), benestante imprenditore e gran lavoratore, dai riflessi caratteriali ruvidi e impositivi, è letteralmente predato dalla propria superstizione. A  causa di questa, la sua vita viene caratterizzata, rallentata e intorpidita  da rituali scaramantici che divengono vere e proprie regole di vita a tal punto da investire anche il rapporto con i suoi dipendenti d’azienda. Uno di questi, Belisario Malvurio (Pino Ferrara), verrà infatti licenziato perchè ritenuto portatore di sfortuna a causa di peggioramenti inaspettati di affari finanziari coincidenti con la sua presenza. Anche nei confronti della moglie Teresa (Lidia Martora) e della figlia Rosina (Alba Cardilli) i modi di Gervasio sono sbrigativi e intolleranti, specie quando si tratta di opporsi fermamente alla volontà di quest’ultima di sposarsi con un ragazzo che il commendatore non gradisce affatto a causa di una certa estetica “trascurata”.

Add a comment

Sulla sana proposta implicita di dare un senso al nostro rimanere a casa senza abbrutirci, bensì perfezionarci e stimolarci, la pièce di Peppino de Filippo, “Don Raffaele ‘o Trombone”, non mancherà di impreziosire i nostri momenti lanciandoci dal passato una sfida a cui siamo chiamati a rispondere nel presente.

 

Musicista e suonatore di trombone, Don Raffaele Chianese ( Peppino de Filippo) vive in condizioni di estrema miseria senza mai esser riuscito a risollevare se stesso e la sua famiglia da tale stato. Egli, inoltre, non si è mai sentito sostenuto dalla famiglia, decisamente carente di stima verso di lui, reputandolo di fatto un incapace, illuso e presuntuoso. Don Raffaele, infatti si ostina a perpetuare il proprio fallimento come musicista, rinunciando ad occasioni di lavoro proposte da amici compassionevoli, come compare Giovanni (Enzo Cannavale), anche se lontane dalla musica.

Add a comment

#recensione del DVD dello spettacolo “Quaranta ma non li dimostra (il teatro di Peppino De Filippo)”, visto a casa nei giorni di quarantena da Coronavirus!

 

In questi giorni particolari è importante non diluirci dentro la trappola della routine o nella morsa del “dovere” necessariamente fare qualcosa. A volte ciò che risulta davvero nutriente non risiede nel “macro” bensì nelle piccole cose, purché sentite come realmente nostre. Una proposta per arginare un certo appiattimento umorale, rivitalizzando e tenendo allenate le nostre più nobili prerogative di empatia e introspezione, può venire dalla visione in video di alcuni spettacoli teatrali. Nello specifico,  la pièce “Quaranta...ma non li dimostra”, scritta nel 1933 da Peppino e Titina de Filippo e portata in televisione nel 1963, ci offre la doppia e preziosa opportunità di poter riflettere e ridere su tematiche universali. Queste, anche quando non vissute direttamente da noi, raggiungono e mettono in vibrazone la nostra anima comune di esseri umani. Potremo inoltre apprezzare le straordinarie doti interpretative e drammaturgiche di un attore di eccelso spessore, quale Peppino de Filippo, troppo spesso trattato sbrigativamente come fratello “minore” di Eduardo o come semplice spalla dell’inarrivabile Totò. È bello e se vogliamo, anche emozionante, andare a scoprire ciò che è meno visibile, rintracciandone un valore più prezioso perchè più nascosto rispetto all’immediatamente bello. 

Add a comment

Recensione dello spettacolo Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere in scena al Teatro Brancaccio il giorno 3 marzo 2020

“Tanto tempo fa, i marziani e le venusiane si incontrarono, si innamorarono e vissero felici insieme perché si rispettavano e accettavano le loro differenze. Poi arrivarono sulla Terra e furono colti da amnesia: si dimenticarono di provenire da pianeti diversi.” Così scriveva John Gray nel 1992 nel suo celebre bestseller: “Gli uomini vengono da Marte e le donne vengono da Venere” in cui, il celebre terapeuta di coppia, sviscerava lucidamente e senza pregiudizi, le connaturate differenze tra il genere maschile e femminile. Da allora, il noto libro è stato fonte d’ispirazione per numerosi dibattiti in molteplici ambiti, compresi quelli artistici. A tal proposito,  Debora Villa ne ha tratto una divertentissima pièce teatrale affrontando le differenze di genere all’interno della coppia, ma questa volta dal punto di vista femminile. Abbiamo fatto appena in tempo a gustare l’esilarante ironia di Debora Villa nella sua spassosissima performance in un’unica data che ha preceduto la chiusura dei teatri in tutta Italia a causa della diffusione del Coronavirus.

Add a comment

 

Stanza a tre

Vincitore terza edizione concorso #inplatea

10/11 dicembre 2019- teatro Trastevere (Roma)

 

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori