Sabato, 25 Maggio 2019
$ £

Recensione dello spettacolo “Dracula”, in scena al Teatro Ambra Jovinelli dal 3 al 14 Aprile 2019

 

Arriva Dracula nella città. Non figura, ma veleno che, ubiquo, si discioglie e pervade ogni molecola. È nella terra, è nel cielo, nell’aria. È vento, tuono, elettricità. Arriva Dracula ed è la follia, l’inspiegabile, il terrifico. Dracula è qui, a Carfax, la sua casa confina con la nostra, il Mostro è inaspettatamente vicino e, sconvolta la mente, vuole succhiarci ogni goccia di sangue. Il Sangue, la Vita.

Add a comment

Recensione dello spettacolo ‘Novecento’ in scena al Teatro Eliseo dal 2 al 18 aprile 2019 

 

Eugenio Allegri riporta sul palco la magia della storia di Novecento di Alessandro Baricco, quello stesso pianista sull’oceano che i più hanno conosciuto al cinema grazie al lungometraggio di Tornatore. A teatro, la forma del racconto è quella originaria del monologo, scelta da Baricco e Allegri di comune accordo, ma è una forma che diventa presto corale quando, attraverso l’uso di più registri linguistici, si palesano al pubblico i diversi personaggi che gravitano intorno allo stesso Novecento, tutti impersonati abilmente da un Allegri che parte con l’essere il narratore della storia, colui che assiste all’avventura musicale e umana di Danny Boodman T. D. Lemon e alla sua tragica fine, fino a interpretare lo stesso Novecento in momenti salienti come quando intende mettere piede a terra per scoprire il mondo o quando decide di esplodere insieme al vecchio Virginian. È proprio l'andamento  della messinscena a permettere al monologo di non apparire tale ma di diventare una narrazione a più voci con un ritmo proprio che rende dinamica l’azione sul palco.

Add a comment

Recensione dello spettacolo I signori Barbablu di Gerald Verner con Miriam Mesturino e Luca Negroni e con Lucia Ricalzone, Maria Cristina Gionta e Pierfrancesco Mazzoni. Regia di Silvio Giordani. In scena al Teatro Roma dal 26 Marzo 2019 al 14 Aprile 2019

Che non fosse esattamente una coppia di sposi tradizionale lo avevamo subito capito da alcuni comportamenti atipici e frasi equivoche e poco rassicuranti che si scambiavano reciprocamente. D’altronde non sarebbe stata la prima nè l’ultima coppia che si sposa per convenienza...eppure al telefono sono stati così carini, e ad incontrarli dal vivo sembrava stessero talmente bene insieme, da fugare ogni dubbio sul loro amore. Stiamo parlando del sign. Roger Wentworth e di sua moglie Catherine Wentworth (Miriam Mesturino), novella coppia di sposi quarantenni conosciutasi in Svizzera e dopo sei settimane già sposi, limpido esempio del classico colpo di fulmine. Quella che si apprestano a trascorrere in questo delizioso casale della campagna inglese, gestito dalla simpatica e altrettanto invadente vedova, signora Wellington -James, è la loro luna di miele, alla ricerca di silenzio e intimità.

Add a comment

Recensione dello spettacolo Cenere in scena al teatro Trastevere dal 26 al 31 marzo 2019


“Si deve stare bene. Si deve stare bene per forza”. Del resto è la notte più importante dell’anno, la notte di capodanno. Un’altra da spendere insieme per Greta e Gabriel. Una coppia consolidata, affiatata, eppure insolita. I due sposi sono, infatti, molto diversi tra loro e queste divergenze caratteriali emergono in ogni dialogo.
Lei (Ilaria Giorgi) è gioiosa, piena di entusiasmo e voglia di vivere. Lui (Guido Targetti) è serioso, pragmatico, freddo e anche cinico.

Add a comment

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori