Venerdì, 24 Gennaio 2020
$ £

Presentazione de Il sentimento della lingua: l’italiano tra presente e passato di Luca Serianni e Giuseppe Antonelli il 21 ottobre 2019 al Teatro Piccolo Eliseo

 

Il teatro Eliseo e la storia della lingua italiana: apparentemente due ambiti distanti, ma in realtà per una sera più che connessi. Da una brillante intuizione di Luca Barbareschi, direttore artistico del Teatro Eliseo, è nato questo connubio. L'attore e regista, che ha introdotto l’evento, ci ha raccontato del primo invito al suo teatro, al noto linguista e grammatico italiano Luca Serianni.  Dopo cinque anni da questo incontro, l'ex docente di Storia della lingua italiana alla Sapienza, insieme al suo ex allievo Giuseppe Antonelli, oggi docente ordinario di linguistica italiana all’Università di Cassino, hanno scelto un teatro per “conversare” in modo disinvolto ma puntuale di storia della lingua italiana e delle sue strutture sintattiche e grammaticali, in una prospettiva diacronica. L’occasione ci è data dalla presentazione dell’ultimo lavoro condotto insieme in 4 giorni, Il sentimento della lingua, edito da Il Mulino.

Add a comment

Siamo culturalmente abituati ad allontanare da noi la malattia, e quindi la medicina, separandole dalla vita, come se non ne facessero parte. Ma la scoperta della natura, del funzionamento e delle patologie del corpo umano, così come le lacune, gli errori e i progressi della scienza medica sono strettamente connessi a tutti gli altri campi della storia. Se alla vigilia di Waterloo Napoleone non avesse accusato un violento attacco di emorroidi che gli impedì di guidare le sue truppe in battaglia, è probabile che l’attuale situazione geopolitica dell’Europa sarebbe assai diversa…

Add a comment

Scrivevo silenzi, notti, notavo l’inesprimibile, fissavo vertigini”Arthur Rimbaud

 

Il 20 ottobre è ricorso l’anniversario della nascita di Arthur Rimbaud, le poète maudit, un poeta che non si può fare a meno di ricordare perché ha lasciato un segno indelebile nell’universo letterario. Molti autori lo hanno fatto e altri ancora oggi continuano a lasciare una impronta nell’editoria come nella walk of fame. Quelli che ora ci sembrano sconosciuti potrebbero rivelarsi i più grandi scrittori dei nostri tempi? Non è dato saperlo, ma quello che possiamo fare è continuare a leggere quei libri che ci toccano l’anima e forse un giorno scoprire che sono diventati bestsellers. Può coinvolgerci anche un libro inaspettato, che all’apparenza ci sembra insignificante, e per aiutarvi nella scelta del potenziale bestseller ecco a voi la nostra lista delle novità.

 

Iniziamo dalla narrativa:

Tu ma per sempre di Roberto Emanulei, DeA Planeta

Add a comment

Recensione del libro Little Boy, di Lawrence Ferlinghetti, edito da Edizioni Clichy. La casa editrice nasce a Firenze nell’ottobre 2012. Edizioni Clichy si propone fin dal suo esordio come una casa editrice completamente indipendente, con un’identificazione forte e coerente sia nella scelta dei testi sia nella tipologia dei libri, immediatamente riconoscibili anche materialmente.

 

"Il fascino dei bambini sta nel fatto che con ognuno di loro tutte le cose vengono rifatte, e l’universo rimesso alla prova. Quando camminiamo per strada e sotto di noi vediamo le deliziose teste bulbosa di questi funghi umani, il triplo delle dimensioni che dovrebbero avere in proporzione al loro corpo, dovremmo sempre ricordarci innanzitutto che ognuna di quelle sfere contiene un universo nuovo fiammante, nuovo quanto era nuovo il mondo il settimo giorno della creazione. In ognuna c’è un nuovo sistema di stelle, nuova erba, nuove città, un nuovo mare." (Gilbert Keith Chesterton)

"Tutto è partito dalle figurine Liebig che trovavo nei dadi del brodo, quando ero bambino a Venezia. O in quelle che si trovavano nei pacchetti di sigarette inglesi e che ho conosciuto qualche anno dopo. I miei coetanei si entusiasmavano per quelle dei calciatori che a me non interessavano. Ero affascinato da quelle figurine che ritraevano uomini dipinti e tatuati come i Papua, spiagge esotiche, o soldati in strane uniformi. Ho cominciato a sognare e a fantasticare sui mari del Sud, partendo da lì. E poi ci sono stati i libri, i film, i fumetti di Franco Caprioli. O le collane della Sonzogno che ho iniziato a leggere quando avevo 7 o 8 anni, e il bel racconto di uno scrittore irlandese, Henry de Vere Stacpoole, Laguna blu, da cui hanno tratto un brutto film. Quando ho cominciato ad avere una certa indipendenza economica sono cominciati i viaggi veri. Ero emigrato a Buenos Aires e lì si è fatto sentire il richiamo del Pacifico; l'Atlantico lo conoscevo già, nel Mediterraneo ero di casa, l'oceano Indiano l'avevo imparato a conoscere quando ero stato in Etiopia. È cominciato tutto così." (Hugo Pratt)

A leggere l'ultima fatica narrativa del poeta americano Lawrence Ferlinghetti c'è, in senso buono, da perdere la testa.

Non si fa in tempo ad intraprendere la via maestra dell'esistenza di quest'uomo che già, dopo poche pagine, ci si ritrova in una qualche diramazione laterale che, a sua volta, dopo una lunga serie di tornanti finisce in un trivio che sfocia rocambolescamente in un'alteria secondaria che sale a zig zag su su su in cima a una ripida salita che precipita vertiginosamente a picco tra le braccia di un dirupo, che in un alternarsi di sbandate e ritorni in carreggiata, confluisce a precipizio sulla via principale intrapresa poco prima e...così via senza tregua per 240 pagine dense di reminiscenze biografiche, fatti storici, incontri, scontri, amori, disamori, rielaborazioni e riflessioni.

Add a comment

 

Stanza a tre

Vincitore terza edizione concorso #inplatea

10/11 dicembre 2019- teatro Trastevere (Roma)

 

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori