Martedì, 07 Dicembre 2021
$ £

I libri che ci aiutano nella vita di tutti i giorni

 

Interrogo i libri e mi rispondono. E parlano e cantano per me. Alcuni mi portano il riso sulle labbra o la consolazione nel cuore. Altri mi insegnano a conoscere me stesso”, Francesco Petrarca

 

Ogni libro, come ogni evento che ci accade ha una funzione nella nostra vita. Anche quelle cose che in quel momento ci sembrano insignificanti ci regalano quel quid in più che non avremmo ottenuto diversamente. I libri, come Petrarca ha impeccabilmente scritto, parlano, cantano, ci fanno sorridere e cosi facendo ci permettono di conoscere meglio noi stessi. Le loro funzioni quindi vanno ben aldilà di quella consolatoria, ci offrono molto di più, come ad esempio la capacità di anticipare i cambiamenti e di aiutarci a raggiungere gli obiettivi.

Scoprite anche voi cosa possono offrirci scegliendo tra la nostra nuova selezione il libro per voi.

 

Ecco le novità:

 

Gialli/ Thriller

 

La lampada del diavolo di Patrick  McGrath, La nave di Teseo

pastedGraphic.png

Londra, 1975. L’anziano poeta Francis McNulty sente avvicinarsi la fine dei suoi giorni ma il suo animo non trova pace, schiacciato da una colpa che non ha mai avuto il coraggio di confessare. Le ombre di un tradimento sotto le armi, durante la Guerra Civile spagnola, si allungano nella casa di Cleaver Square quando un’oscura presenza, con le fattezze del generale Francisco Franco, comincia a fargli visita. In alta uniforme, il contegno di un militare decaduto, l’apparizione perseguita Francis con i ricordi dei giorni drammatici di quarant’anni prima. Perseguitato dalle visioni e spronato dalle domande di un giovane reporter che sta scrivendo un pezzo su di lui, il vecchio poeta accetta l’invito della figlia ad accompagnarla in viaggio di nozze a Madrid, in cui vede finalmente l’occasione per affrontare i fantasmi del suo passato. Mentre nel palazzo reale si consuma l’agonia del Generalissimo, vittima e carnefice di un’epoca che si sta consumando, Francis torna nei luoghi della sua vergogna, in un viaggio liberatorio nel tempo, nei ricordi di famiglia, nei recessi della sua mente.

Add a comment

Recensione dell'antologia Bagliori fatui di Miyamoto Teru edito da Carbonio Editore. Casa editrice nata nel 2016 a Milano, ad opera dell'architetto Fabio Laneri e la madre Fortunata De Martinis, con “l'esigenza di raccontare qualcosa di diverso”. Il filo rosso che lega tra loro tutte le uscite di Carbonio è il pensiero come strumento di analisi e nutrimento per la mente. 

 

“Prima volevo morire, ma adesso voglio vivere” se n'esce lui. Ferma la bici, si volta. “A me prende di continuo voglia di morire e di vivere, migliaia di volte al giorno. Mio fratello, e anche i medici dell'ospedale, mi dicono che è una malattia. Ma io non credo proprio. Agli altri non capita? A te succede?”(Miyamoto Teru, Morire e rinascere migliaia di volte al giorno.)

Accade, a volte, d’inciampare. Spesso si cade rovinosamente e ci si fa male, raramente, invece, si fanno nuove e piacevoli scoperte. In rete, girovagando tra i social, non solo abbiamo notato Carbonio Editore ma, spulciando il loro catalogo, ci ha colpito una piccola antologia che fin dalle prime pagine si è rivelata un gioiello di narrativa contemporanea. Ciò che ulteriormente ci ha stupito è stato scoprire come l'autore, Miyamoto Teru, vero e proprio fenomeno letterario in Patria, al solito in Italia è praticamente uno sconosciuto. Ad oggi, infatti, Bagliori fatui è l'unico assaggio della sua opera letteraria in lingua italiana.

Add a comment

Recensione del libro La mia guerra per la libertà. La resistenza azzurra al fianco di Edgardo Sogno di Piero Stroppiana, a cura di Michele Ferraro e Edoardo Pezzoni Mauri edito da Historica Edizioni. 

 

La mia storia per la libertà offre un excursus sugli avvenimenti della seconda guerra mondiale e della lotta al nazifascismo dal punto di vista di Piero Stroppiana, un partigiano, che ha preso parte ad alcuni eventi decisivi.

L’idea di scrivere questa biografia gli è venuta poiché riordinando gli archivi dell'Organizzazione "Franchi”, ancora oggi considerata una tra le principali formazioni partigiane che guidarono la resistenza liberale, ha ritrovato alcuni suoi appunti del giugno 1945 che relazionavano due importanti azioni di antisabotaggio. Ciò ha portato Stroppiana a ripensare e ripensare a quei giorni, al suo impegno nella lotta partigiana e ha deciso di mettere nero su bianco il racconto del secondo conflitto mondiale e della lotta di liberazione dal nazifascismo a cui ha partecipato insieme a Edgardo Sogno. In quegli anni di resistenza è stato protagonista tanto nelle operazioni di antisabotaggio per la salvaguardia del patrimonio industriale italiano, quanto nel "furto" di timbri dal comando tedesco di Torino per la falsificazione di documenti. 

Add a comment

Leggere è un piacere da condividere?

 

I libri sono qualcosa da gustare da soli perché ci fanno compagnia, ci fanno sentire meno soli, ma a volte è bello anche condividere il piacere di leggere. La lettura quindi può essere considerata un qualcosa di intimo, un momento da dedicare a se stessi ma allo stesso tempo può rappresentare un occasione di condivisone di una nostra passione con chi amiamo. E voi cosa ne pensate? Preferite leggere da soli o in compagnia? 

Noi vi proponiamo la nostra selezione tra cui scegliere i libri che più vi aggradano poi sta a voi decidere di condividerlo o leggere per voi stessi.

 

Ecco la nostra selezione:

 

Narrativa

Qualcuno che ti ami in tutta la sua gloria devastata di Raphael Bob-Waksberg, Einaudi

pastedGraphic.png

Questo libro contiene: Un uomo e una donna che saltano tutte le fermate della metropolitana della loro vita in attesa dell'occasione giusta. Due sposi costretti dai parenti a sacrificare caproni per assicurarsi la felicità futura. Uno scienziato che fa avanti e indietro da un universo parallelo in cui ha fatto solo le scelte giuste. E altri quindici racconti pieni di umorismo, romanticismo, stravagante surrealismo e sincerità.  Una scatenata comicità che nasconde una verità sgradevole che fingiamo di non vedere che a sua volta cela un'amara ironia che svela il dolore di cui siamo composti che prepara il sorriso dell'accettazione bagnato dalle lacrime per l'essere vivi.  Chiunque abbia visto qualche puntata di BoJack Horseman sa che il talento di Raphael Bob-Waksberg si sviluppa in una cifra unica, personalissima: quella in cui l'ironia più amara diventa un bisturi affilatissimo che taglia i nodi delle relazioni umane. Le nostre fragilità, il desiderio di essere amati, di essere riconosciuti dall'altro, la nostra ricerca di qualcosa che illumini le ombre che ci portiamo dentro.

 

La rinnegata di Valeria Usala, Garzanti

pastedGraphic_1.png

Senza un uomo accanto, una donna non è nulla. Teresa ha sempre sentito l’eco di questa frase, come il vento durante la tempesta, ma non ci ha mai creduto. Lei che è quiete e fuoco, rabbia e tenerezza, lotta contro il pregiudizio da quando è nata. Rimasta orfana, non ha avuto nessuno a proteggerla dalla propria intelligenza, oltre che dalla propria bellezza. Un intero paese la rinnega, impaurito di fronte alla sua indipendenza, alle sue parole e alle sue azioni. Neanche aver creato una famiglia con l’uomo che ama ha messo a tacere le malelingue e i pettegolezzi. Nessuno crede che la sua fortuna, derivante da un emporio e una taverna che ha costruito e gestisce con le sue forze, sia frutto di fatica e tenacia. Quando tutto cambia, Teresa deve difendere ciò che ha conquistato e dimostrare che può farcela da sola. Che non rinunciare a sé stessa significa essere libera. Valeria Usala ha scelto di dare voce a una donna dimenticata, una donna che ha deciso di resistere contro tutto e tutti.Una storia in cui la Sardegna è protagonista attraverso la sua natura, le sue leggende e le sue contraddizioni. 

 

Fratellino di Amets Arzallus Antia. Ibrahima Balde, Feltrinelli

pastedGraphic_2.png

È alla ricerca del fratello piccolo, partito con l'intenzione di raggiungere l'Europa e mai arrivatoci, che Ibrahima Balde lascia la Guinea, il lavoro di apprendista camionista, per intraprendere un viaggio che non aveva intenzione di fare. Il romanzo è la cronaca, lucida ed essenziale, della vita di Ibrahima Balde, da lui stesso raccontata, e trascritta dal poeta Amets Arzallus Antia. Una voce che ci fa conoscere, senza vittimismo ma in tutta la sua drammaticità, da chi l'ha vissuta in prima persona, cos'è la traversata del deserto, il traffico dei migranti, la prigionia, le torture, la polizia, il viaggio in mare, la morte. Una voce ferma, così chiara e profonda da diventare a tratti poetica, che ci racconta cosa significa conoscere la sete, la fame, la sofferenza. Esistono mille motivi e storie che portano una persona ad attraversare il Mediterraneo per cercare di raggiungere l'Europa. La disumanizzazione delle loro morti, espulsioni, vite illegali sembra necessaria per alimentare la nostra indifferenza. In realtà ognuna di queste vite è unica e pertanto universale e raccontarlo sottolinea proprio questo.

 

Gialli/Thriller

 

E verrà un altro inverno di Massimo Carlotto, Rizzoli

pastedGraphic_3.png

Bruno Manera e Federica Pesenti sembrano una coppia felice. Lui è un ricco cinquantenne, lei di anni ne ha trentacinque ed è l'erede di una dinastia di imprenditori della "valle", operoso distretto del Settentrione dove domina l'élite dei capitani d'industria che ha costruito l'ordine del duro lavoro per tanti, del profitto per pochi e delle menzogne per tutti. Su insistenza di Federica, Bruno accetta di trasferirsi in paese, varcando la frontiera invisibile della provincia profonda. Ma quando Manera comincia a subire una serie di gravi atti intimidatori, la situazione precipita. Ad aiutarlo c'è solo Manlio Giavazzi, un vigilante dalla vita sfortunata, convinto che certe faccende vadano risolte tra paesani. Poi il caso gioca un tiro mancino e in una girandola di fulminanti colpi di scena scivoliamo nelle pieghe di un mondo marcio – il nostro – in cui l'amicizia è il vincolo di un'associazione a delinquere, l'amore una speculazione, il matrimonio un campo di battaglia, la solidarietà tra conterranei un patto d'omertà e la famiglia una connection criminale.

 

La ragazza A di Abigail Dean , Einaudi

pastedGraphic_4.png

Lex non vuole più pensare alla sua famiglia. Non vuole più pensare all'infanzia degli orrori. Non vuole piú pensare a sé stessa come la Ragazza A, quella che era riuscita a scappare. Ma quando molti anni dopo sua madre muore lasciando la vecchia casa in eredità, la voragine del passato si spalanca di nuovo sotto i suoi piedi. Lex vorrebbe trasformare l'edificio in un luogo di pacificazione, ma per prima cosa deve fare i conti con i sei fratelli e con l'indicibile infanzia che hanno condiviso. Così, quella che comincia come un'adrenalinica storia di sopravvivenza e riscatto, diventa racconto di rivalità tra fratelli e alleanze ancestrali.

 

Biografie

 

Le italiane. Il paese salvato dalle donne di Aldo Cazzullo, Solferino

pastedGraphic_5.png

Sono le donne a custodire l'identità italiana. Partendo da questa convinzione, Aldo Cazzullo rievoca le figure, il carattere e le storie delle italiane che ha conosciuto. Dalle centenarie che hanno fatto l'Italia, come Franca Valeri e Rita Levi Montalcini, alle giovani promesse di oggi, come Chiara Ferragni e Bebe Vio.Per arrivare a oggi: chi ha salvato l'Italia nell'anno terribile della pandemia? Noi diciamo medici e infermieri, al maschile. Ma non solo la maggioranza delle infermiere e dei medici sono donne. Neppure il lockdown ha fermato le cassiere dei supermercati, le edicolanti, le poliziotte, le farmaciste, le professoresse che hanno fatto lezione on line, le mamme che hanno lavorato e badato ai figli rimasti a casa, le nonne.In queste pagine si raccontano in prima persona attrici come Monica Bellucci e Stefania Sandrelli, cantanti come Laura Pausini e Gianna Nannini, campionesse dello sport come Valentina Vezzali e Federica Pellegrini. Scrittrici come Dacia Maraini, critiche come Fernanda Pivano, editrici come Elvira Sellerio. Alcune non ci sono più, altre hanno tutta la vita davanti. Tante hanno sofferto moltissimo, sia pure in modi diversi: testimoniano che l'Italia resta purtroppo un Paese maschilista; ma tutte confermano che la grande avanzata delle donne è appena cominciata.

 

Saggi

 

Nient’altro che l averità di Michele Santoro, Marsilio

pastedGraphic_6.png

Maurizio Avola non è famoso come Tommaso Buscetta, non è Totò Rina ma non è un killer qualsiasi: è il killer perfetto, obbediente, preciso, silenzioso, e proprio per questo indispensabile nei momenti decisivi. Forse sottovalutato dai suoi capi e dagli inquirenti, ha archiviati nella memoria particolari, voci, volti che coprono tre decenni di storia italiana. Ad accendere l’interesse di Santoro è il fatto che Avola abbia conosciuto Matteo Messina Denaro e abbia compiuto con «l’ultimo padrino» diverse azioni. Scoprirà però che è solo una parte, e non la più rilevante, di quanto Avola può svelare, andando incontro a quella che è probabilmente l’inchiesta più importante della sua vita. Addentrandosi nel labirinto dei ricordi, il giornalista si trasformerà man mano da interlocutore reticente in sodale a cui Avola affida le tessere del puzzle e le sconvolgenti rivelazioni che emergono. Mafia e antimafia, politica e potere, informazione e depistaggi, vicende personali e derive sociali si intrecciano in un racconto che si muove tra passato e presente, dalla Sicilia degli anni settanta al paese che siamo diventati

 

Bambini

 

L’inferno spiegato male di Francesco Muzzopappa, De Agostini

pastedGraphic_7.png

Dante avrebbe voluto andarsene in vacanza a Lanzarote, ma Virgilio fa carte false per trascinarlo... all'Inferno. Un posto bellissimo, con le fiamme come nei concerti metal! E dove si va sempre in discesa, come sugli acqua scivoli... Quando si ritrova circondato da rocce, lamenti e urla che neanche a un concerto di Ariana Grande, Dante capisce di essere proprio sfortunato. Vatti a fidare degli amici! Dopo aver affrontato fiumi vorticosi, dannati tormentati da orrendi supplizi e diavoli dagli occhi di brace, alla fine di ogni cerchio, girone o bolgia lo aspetta un bivio. Quale strada porta all'uscita? Quella di mattoni gialli con un cartello che indica "OZ". Qualcosa non va! Meno male che per ogni dubbio si può chiedere a Specchietto, perché Specchietto sa sempre tutto... La Divina Commedia è disseminata di ostacoli e livelli da superare, proprio come un gioco! Un approccio inedito e ingaggiante per scoprire tutto quello che dovreste sapere sul capolavoro dantesco, canto dopo canto, con istruttivi e originali box di approfondimento su personaggi, meccanismi e struttura dell'opera. 

 

Buona lettura!

 

 

Debora Fusco

4 maggio 2021

Add a comment

Podcast: #andiamoateatro

#andiamoateatro #1 - novembre

 

Diamo voce ai protagonisti della scena teatrale italiana, per questo mese di novembre abbiamo intervistato: Gabriele Lavia, in scena al Teatro Quirino di Roma con lo spettacolo "Le leggi della gravità"(01:00); Manuela Kustermann, direttrice artistica del teatro Vascello di Roma (08:35); Claudio Casadio, in scena con lo spettacolo "L’Oreste. Quando i morti uccidono i vivi" al teatro del Giglio di Lucca (20:17); Daniele Salvo, in scena al teatro sociale di Brescia con la regia dello spettacolo "La notte dell'Innominato" (26:19); Rodolfo Di Giammarco che ci parla della XX edizione del festival "Trend - nuove frontiere dalla scena britannica" al teatro Belli di Roma (38:40).

 

 

 

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori