Sabato, 16 Febbraio 2019
$ £

La situazione di stallo istituzionale e amministrativo creato dalla distorta applicazione dei criteri attuativi del D.M. 1 Luglio 2014, attraverso il quale il MiBACT intendeva razionalizzare il sostegno alle attività di Spettacolo dal Vivo, rischia di mettere fine a centinaia di organismi che sono stati l'ossatura del sistema culturale italiano.

Le imprese e gli operatori del settore sono l'asse portante di questo sistema culturale e la storicità che li contraddistingue dovrebbe essere, come ribadisce la legge "Valore cultura" del 7 Ottobre 2013, una grande ricchezza e un indicatore di validità organizzativa e di qualità professionale, non un fattore negativo, un parametro per la rottamazione.

Il 13 Ottobre 2015, presso l’Aula Ottagona delle Terme di Diocleziano (Roma), si è svolto l’evento “Innovating Colosseo. Cultura e ricerca a banda ultralarga” che inaugura l’attivazione del collegamento in fibra ottica del Colosseo, del Foro Romano e Palatino e delle sedi del Museo Nazionale Romano (Crypta Balbi, Palazzo Altemps, Palazzo Massimo, Terme di Diocleziano) alla rete GARR, l’infrastruttura che fornisce connettività a banda ultralarga al mondo della ricerca e dell’istruzione.
La collaborazione tra GARR e Soprintendenza si inserisce all’interno di una strategia di utilizzo delle nuove tecnologie ICT al servizio della conservazione, studio e valorizzazione dello straordinario patrimonio culturale del nostro Paese.

Tornato a nuovo splendore grazie all’impegno dell’attore Luca Barbareschi che ha dichiarato di aver investito oltre quattro milioni di euro per portarlo a nuova vita, l’Eliseo e il Piccolo Eliseo possono nuovamente vantare una stagione teatrale di tutto rispetto e in cui sarà normale, in quanto direttore artistico, trovare impegnato in prima persona lo stesso Barbareschi, protagonista di diversi spettacoli. A chi è appassionato di teatro, però, non dovrebbe interessare poi molto se il direttore artistico è un nome noto purché svolga bene il suo lavoro: dal cartellone da poco pubblicato sembra proprio che Barbareschi non si sia perso in inutili ciance e si appresti a dare il via a due stagioni teatrali, quella dell’Eliseo e del Piccolo Eliseo, di tutto rispetto.

Lasciateci il Globe Theatre con la Direzione Artistica di Gigi Proietti”, questo il titolo della petizione lanciata su change.org dagli spettatori ed amati di questo teatro per chiedere al Sindaco di Roma, Ignazio Marino, al presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti ed al ministro della cultura Dario Franceschini che il Silvano Toti Globe Theatre non venga chiuso e che Gigi Proietti rimanga direttore artistico.

Gigi Proietti, che tanto aveva voluto l'apertura di questo spazio teatrale, unico e magico nel cuore di Villa Borghese, dopo i tagli dei fondi che Roma Capitale ha deciso di non rinnovare quest'anno ha rischiato di dover lasciar chiuso il teatro ed annullare la stagione estiva 2015. Ma, come da lui stesso dichiarato in conferenza stampa, un teatro che conta oltre 56 mila presenze in poco più di due mesi di attività e che dà lavoro e decine di famiglie non può permettersi di annullare tutto così, all'ultimo minuto e senza lottare. Anche la sua direzione è a rischio perché altre regole sono cambiate, il rinnovo non sarà più triennale come in passato ma annuale, condizione che rende difficile programmare le stagioni e quindi tenere alta la qualità.

 La Platea, la rivista dedicata al mondo del teatro e dell'arte. Registrata al Tribunale di Roma, n° 262 del 27 novembre 2014
 

Newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per scoprire gli sconti sugli spettacoli teatrali riservati ai nostri lettori